Fondazione Cariplo

Al via il bando “Let’s Go”: 15 milioni di euro per gli enti del Terzo settore in difficoltà

Il bando è realizzato con il contributo della Fondazione Peppino Vismara e la partecipazione di 16 Fondazioni di comunità, tra cui quella della Comunità Bergamasca. La scadenza è fissata al 30 giugno. È possibile richiedere contributi fino a 100 mila euro

Al via il bando “Let’s Go”: 15 milioni di euro per gli enti del Terzo settore in difficoltà
Bergamo, 09 Giugno 2020 ore 15:09

Rientrata in parte la crisi sanitaria, il rischio adesso è che possa esplodere quella sociale. Per questa ragione nasce il bando “Lets Go!”, realizzato da Fondazione Cariplo in collaborazione e con il contributo della Fondazione Peppino Vismara e con la partecipazione delle 16 Fondazioni di comunità (tra cui Fondazione della Comunità Bergamasca), che mette a disposizione 15 milioni di euro per sostenere l’operatività degli enti del Terzo Settore in sofferenza economica determinata dalla sospensione delle attività o dagli extra-costi generati dalla riorganizzazione dei servizi per lavorare in sicurezza causa dell’emergenza Covid-19.

Con questa nuova misura straordinaria la Fondazione Cariplo intende supportare gli enti di Terzo settore nei territori di riferimento (Lombardia, Province di Novara e Verbano-Cusio-Ossola) che garantiscono servizi e iniziative che contribuiscono in modo significativo alla coesione e alla crescita del territorio, oltre a servizi alle famiglie più fragili. Nella sola Lombardia sono oltre 55mila gli enti di Terzo settore (il 16 per cento a livello nazionale).

«La nostra comunità ha subito una ferita profonda. Potremo affrontare la crisi sociale solo costruendo insieme un solido sistema di welfare di comunità – sottolinea Enrico Fusi, Vice Presidente Fondazione della Comunità Bergamasca -. Per farlo non possiamo prescindere dal sostenere gli enti del Terzo settore, con cui da sempre collaboriamo. In 20 anni, attraverso i bandi territoriali, abbiamo erogato oltre 37 milioni di euro, attivando progetti per un costo complessivo di quasi 98 milioni di euro: il Terzo settore ha generato un valore di impatto di 2,5 volte superiore a quanto investito. A questi semplici numeri aggiungiamo il valore inestimabile delle persone, volontari e lavoratori, che operano in realtà molto diverse, dal piccolo borgo di montagna alla città, dal paese turistico sul lago al comune della pianura. Una presenza diffusa e capillare, a diretto contatto con i territori, che ci permette di raccogliere le attese, i sentimenti, i desideri delle persone e far emergere energie e risorse per dare risposta ai bisogni più urgenti».

Il bando “Lets Go!” scadrà il prossimo 30 giugno e il contributo massimo avrà un valore di 100 mila euro: verranno valutate le richieste pervenute in maniera comparativa in base alla vulnerabilità e fragilità economica cui è esposto l’ente a causa della pandemia e alla tipologia e impatto dei servizi e destinatari.

Tre gli elementi da sottolineare:

  • il bando prevede la concessione di contributi a fondo perduto (in conto esercizio 2020) con la specifica finalità di dare continuità all’attività ordinaria dell’ente garantendo l’adeguamento e la prosecuzione di servizi messi a rischio per effetto delle conseguenze causate dall’emergenza Covid-19;
  • al bando potranno partecipare gli enti già beneficiari di almeno un contributo nell’ambito dei bandi e dei progetti di Fondazione Cariplo, o delle fondazioni comunitarie o di Fondazione Peppino Vismara, negli ultimi dieci anni.
  • saranno sostenuti gli enti del Terzo settore operanti nel territorio di riferimento di Fondazione Cariplo (Lombardia e province di Novara e Verbano-Cusio-Ossola) in ambito sociale, culturale, ambientale.

Maggiori informazioni e dettagli sono disponibili sul sito www.fondazionecariplo.it

«Gli enti di Terzo settore sono cruciali per le nostre comunità e Istituzioni, alle quali propongono iniziative nel campo dell’ambiente, della cultura e del welfare – commenta Giovanni Fosti, Presidente di Fondazione Cariplo -. Perdere questa rete creerebbe un enorme danno economico, metterebbe in difficoltà le nostre famiglie ma significherebbe anche disperdere l’insieme di lavoratori e di volontari ad essa collegato, un patrimonio preziosissimo di cui le nostre comunità non possono fare a meno».

Questo bando è il primo intervento frutto della riprogrammazione delle attività, approvata dalla Commissione Centrale di Beneficenza di Fondazione Cariplo lo scorso 28 aprile, per rispondere alla situazione generata dalla pandemia: si tratta di una misura straordinaria che si aggiunge a quelle già intraprese a marzo e aprile per sostenere le necessità immediate in campo sanitario e socio-sanitario.

Ogni anno Fondazione Cariplo mette a disposizione circa 45 milioni di euro per progetti in ambito sociale, altrettanti in ambito culturale e circa 12 milioni di euro per progetti in campo ambientale. Nel corso degli ultimi 10 anni sono stati migliaia i progetti promossi da circa 8 mila enti che costituiscono una fondamentale infrastruttura sociale capace di attivare servizi diffusi, promuovere innovazione sociale e garantire benessere delle comunità, attraverso competenze e un patrimonio relazionale oggi indispensabile per velocizzare la ripresa.

«In uno scenario così difficile consideriamo di grande rilievo la messa in comune di risorse e competenze da parte di diverse Fondazioni – aggiunge Paolo Morerio, Presidente Fondazione Peppino Vismara -. Il nostro auspicio è che le risorse messe a disposizione possano garantire per il futuro l’indispensabile apporto degli enti del Terzo Settore alla costruzione di comunità sempre più solidali e inclusive».

«Con questo bando la Fondazione Cariplo vuole salvaguardare il patrimonio di competenze e la capacità di risposta ai bisogni resa possibile dalla da questo sistema diffuso – conclude Benigni Gianpietro, bergamasco e membro della Commissione Centrale di Beneficenza di Fondazione Cariplo – la cui presenza costituisce un elemento di tenuta per le nostre comunità».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia