Cgil e Sunia

La proposta dei sindacati: portare i turisti nelle Valli e agevolare la residenza in città

La proposta dei sindacati: portare i turisti nelle Valli e agevolare la residenza in città
15 Gennaio 2020 ore 15:39

Ok il turismo in città, ma con un occhio di riguardo per i residenti. È in sintesi quanto emerso dagli interventi di Cgil e Sunia in merito alla questione molto dibattuta relativa ad affitti brevi, turismo e residenzialità. In un comunicato diffuso dalla stessa Cgil Bergamo si possono leggere le riflessioni e le proposte di Gianni Peracchi, segretario generale della CGIL di Bergamo, e Luisella Gagni del Sunia provinciale.

Bene, per Peracchi e Gagni, la crescita recente del fenomeno turistico all’interno del Comune di Bergamo, che avrebbe «arricchito l’ecosistema della nostra città» e che andrebbe però sostenuta e incentivata sempre secondo i due rappresentanti sindacali, «mettendo a disposizione strutture ricettive, leggere e accessibili ai turisti soprattutto nelle aree interne, ad esempio le valli e una parte della bassa bergamasca, dove un turismo «regolato e governato potrebbe rilanciare parte dell’economia locale e rivitalizzare la permanenza dei residenti».

Insomma, fondamentale sarebbe sfruttare la crescente vocazione turistica della città per rilanciare anche le aree circostanti, e allo stesso tempo per distribuire il peso del turismo su tutta la Bergamasca, permettendo di favorire, tra le altre cose, la residenza in città.

Peracchi e Gagni pongono l’accento su uno dei propositi cruciali dell’idea di città di Cgil: «Mantenere un giusto equilibrio tra luoghi da visitare e vivibilità dei luoghi stessi». Come? «Si devono incentivare – si legge ancora nel comunicato – al pari delle permanenze, brevi o lunghe che siano, dei nostri ospiti-turisti, servizi, sgravi, agevolazioni abitative rivolte prioritariamente a chi abita la città: i residenti di tutte le generazioni e gli studenti». Cgil proporrebbe ad esempio una diversa articolazione dell’Imu a carico dei proprietari di immobili, misura che incentiverebbe i contratti di locazione a canone concordato (ovvero quei contratti di affitto di durate inferiori all’ordinario 4+4 e il cui canone è calcolato sulla base di accordi territoriali vigenti nel comune in cui si trova l’immobile – in pratica il “manuale di istruzioni” stipulato tra le associazioni dei proprietari e dei conduttori necessario per calcolare il canone, per individuare il modello di contratto di locazione da utilizzare e per conoscere tutte le regole concretamente applicabili al contratto di locazione).

Più spazio dunque – questo invocano Cgil e Sunia – a contratti che tengano conto delle agevolazioni a determinate categorie sociali: «In materia di affitti e di abitazioni – continua infatti il comunicato – sono state fatte recentemente scelte importanti per consentire di vivere in città, bassa e alta, finalizzate a ringiovanire il nostro tessuto urbano, prevedendo agevolazioni per le giovani coppie o condizioni di decorosità dell’abitare per chi versa in difficoltà».

In sostanza: «Governare meglio il fenomeno delle locazioni brevi è un’opportunità da cogliere per molti piccoli proprietari di immobili, contenendo, per quanto possibile, quelle piattaforme che si propongono di affittare spazi vuoti soltanto a che viene a far visita alla nostra città, spesso completamente avulse dal nostro più genuino ecosistema».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia