da non credere

Pronti-via e il sito dell’Inps va in tilt

02 Aprile 2020 ore 07:44

Il sito dell’Inps, ieri mercoledì 1 aprile, non ha retto all’urto. Pronti-via ed è stato subito crash. Troppe domande per un server che non è riuscito a reggerle tutte insieme. È stato necessario chiuderlo, anche perché intorno a mezzogiorno succedevano cose strane. Privacy violata di profili che apparivano con i dati sensibili senza alcun motivo. «Abbiamo subito attacco di hacker», ha detto Pasquale Tridico, presidente dell’ente che si occupa di previdenza nazionale. Nel pomeriggio è stato riaperto e ora si pensa ad accessi scaglionati con una fascia oraria dal mattino sino alle 16, riservata a patronati e consulenti; dopo le 16 con accesso riservato ai cittadini.

Quella telematica è l’unica via per poter chiedere l’indennità di 600 euro. L’Istituto ha rassicurato gli utenti dicendo che non si terrà conto dell’ordine cronologico delle domande e che tutti gli aventi diritto si vedranno pagato il dovuto. I pagamenti – ha assicurato Tridico – dovrebbero arrivare intorno al 15 aprile, ma si pagherà anche nei giorni successivi. Il sito è stato preso d’assalto dai lavoratori autonomi, per ottenere l’indennità decisa per coloro che hanno dovuto ridurre la propria attività a causa dell’emergenza Coronavirus. Ma c’è stata anche la richiesta per la cassa integrazione. In questo caso sono arrivate già domande dalle imprese per un milione e 40 mila lavoratori costretti a casa a causa della chiusura o dalla riduzione della mole di lavoro. Per un milione e 200 mila lavoratori il pagamento è già stato anticipato dall’azienda, mentre per gli altri 200 mila il pagamento sarà diretto.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia