50, 4 e 7, i numeri magici dell’Atalanta di Champions

50, 4 e 7, i numeri magici dell’Atalanta di Champions
28 Novembre 2019 ore 08:52

Diamo i numeri? Avanti: 50, 4 e 7. A ben guardare, potremmo tranquillamente spingerci oltre citando l’11 (giorno di dicembre della sfida di Kharkiv con lo Shakhtar) o ancora il 9 (i tiri nello specchio della Dinamo) piuttosto che il 10 (la maglia del Papu Gomez, protagonista assoluto del match), ma quelli che abbiamo scelto hanno un significato particolare. Per l’immediato, ma anche per il futuro e soprattutto buttando un occhio al passato.

 

 

50: i gol di Gomez con la Dea. Il fantasista argentino ha segnato da campione il primo gol in carriera nella Champions League e il totale delle sue marcature in gare ufficiali con l’Atalanta è arrivato a 50. Gomez è a Bergamo da alcune stagioni, sta giocando probabilmente il miglior calcio che gli abbiamo visto fare, ma la cosa più bella è che si diverte come un matto. Lo vedi in ogni partita. Le 50 marcature sono distribuite su 209 partite e anche il totale degli assist è significativo: 54. Questi numeri, scarni ma importanti, dicono che in 209 presenze il Papu ci ha messo il piede in 104 gol segnati, come marcatore o come rifinitore. Avete letto bene? Un gol su due che si segna con lui in campo porta la sua firma. E parliamo di un giocatore che ha cambiato almeno quattro ruoli offensivi da quando è a Bergamo.

4: milioni di euro incassati per Atalanta-Dinamo. Il primo successo in Champions League ha portato nelle casse della Dea 2,7 milioni di euro di premio partita, cui vanno aggiunti i circa 1,3 milioni di incasso (abbonati e biglietti). Un successo per le casse societarie e basta un attimo di ragionamento per capire che più punti vengono incamerati e maggiore sarà la possibilità di lavorare sul mercato. I 4 punti finora conquistati contro Manchester City e Dinamo Zagabria hanno fruttato 3,6 milioni di euro, mentre al botteghino le ultime due partite hanno portato in dote 3,1 milioni di euro: nella prima partita con lo Shakhtar l’incasso era stato di 1,2 milioni per un totale (al netto di percentuali per le avversarie e percentuali in entrata dalle gare esterne) di poco meno di 8 milioni di euro. Con ancora una partita da giocare si potrebbe sfondare il muro dei 12, 5 milioni: significa vincere in Ucraina e continuare in Europa.

 

 

7: i punti per il sogno. La situazione del girone C di Champions League è fluida. Il City ormai è primo e nessuno può agganciarlo (11 punti), mentre per le altre tre squadre è tutto aperto. Lo Shakhtar è a quota 6, la Dinamo Zagabria a 5 e l’Atalanta ha 4 punti. La condizione basilare per la Dea è vincere a Kharkiv: se i nerazzurri arrivassero a quota 7 punti, almeno l’Europa League sarebbe garantita. In caso di mancata vittoria della Dinamo Zagabria in casa con il City, a 7 punti l’Atalanta andrebbe agli ottavi di Champions League. L’impresa non è semplice ma non impossibile, l’Atalanta segna in Champions da quattro gare consecutive e per la prima volta con la Dinamo ha trovato la rete in due occasioni. La quantità industriale di palle gol create e quella davvero trascurabile di pericoli creati dagli avversari nell’ultima partita lasciano intravedere un futuro per la squadra di Gasperini in Europa. Quale, lo sapremo solo tra quindici giorni. Ma che bello andarsela a giocare all’ultima giornata.

A Brescia solo con Dea Card? Oggi novità. A proposito di Brescia-Atalanta, né il sito dell’Osservatorio né dalla società biancazzurra sono arrivate fino a ieri sera novità in merito alla possibilità di partecipare alla gara per i bergamaschi. I segnali che arrivano, per ora tutti da confermare, parlano del fatto che alla fine sarà aperto il settore ospiti dello stadio Rigamonti solo ai residenti a Bergamo in possesso di Dea Card e per la giornata di oggi è previsto il Gos a Brescia, gruppo che si occupa della sicurezza allo stadio. In attesa di una decisione ufficiale, che tarda ormai da diversi giorni, è bene sottolineare che tutti i tifosi interessati dovranno eventualmente fare in fretta per acquistare i biglietti. I regolamenti impongono la chiusura delle vendite alle 19 del giorno antecedente la gara e Brescia-Atalanta si giocherà sabato alle ore 15. Quindi, per l’acquisto dei tagliandi resta solo la giornata di domani, venerdì 29 novembre. Il circuito di riferimento per il Brescia Calcio è Ticketone.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia