Atalanta
Verso la terz'ultima sfida

Arriva il Benevento, gli obiettivi: la vittoria e Zapata miglior marcatore straniero in A

Saranno 90' minuti di grande importanza quelli contro la formazione di Inzaghi. Per la squadra, ma anche per il bomber di Calì, che cerca gol storici

Arriva il Benevento, gli obiettivi: la vittoria e Zapata miglior marcatore straniero in A
Atalanta 11 Maggio 2021 ore 09:45

di Fabio Gennari

Domani sera (12 maggio) l'Atalanta ha la possibilità di avvicinare tantissimo la terza qualificazione consecutiva alla Champions League. Con 3 punti contro il Benevento, i bergamaschi salirebbero a quota 75, con appena due partite da giocare. La Juventus e la Lazio rischiano di restare lontane e a quel punto la Dea dovrebbe poi gestire gli ultimi 180' minuti di gioco alla ricerca di quel poco che manca per accedere ai primi quattro posti. In particolare, con i bianconeri impegnati sul campo del Sassuolo e poi a Torino con l'Inter e in un momento molto delicato, l'impesa non sembra affatto impossibile.

Serviranno cuore e gambe, un approccio di livello e una prestazione importante contro la formazione di Inzaghi. Il Benevento è a un passo dalla matematica retrocessione in Serie B, ma l'ultima vittoria dei giallorossi è arrivata a Torino contro la Juventus e questo deve far drizzare le antenne: la squadra campana è sull'orlo del baratro, non sarà certo dimessa come il Parma visto domenica e quindi bisogna fare attenzione. La Dea ha tutto quello che serve per farcela, ma bisogna centrare l'obiettivo.

In attacco, dall'inizio o a gara in corso, troverà spazio anche Zapata, che è a un solo gol dal record di marcature di German Denis. Il colombiano ha segnato finora 55 reti in A, l'argentino ha fissato a 56 la quota che oggi gli vale la palma del miglior attaccante straniero della storia dell'Atalanta. Per quanto sta facendo Zapata a Bergamo e per la grande prolificità di tutto l'attacco degli orobici, vedere il numero 91 di Calì in vetta ai marcatori stranieri di sempre sarebbe una bella ciliegina sulla torta.

A questo punto della stagione può sembrare un dettaglio il nome del marcatore, ma i bomber sono legatissimi ai gol che segnano e nell'anno in cui Muriel sta frantumando ogni suo record nella massima serie, sarebbe importante ritagliare un posticino anche a Zapata nella sfilza di numeri che resteranno a futura memoria per spiegare, raccontare, esaltare e magnificare un ciclo che mai si era visto ai piedi di Città Alta. Le Mura ne hanno passate tante, ma un'Atalanta così è la prima volta che possono ammirarla.