Il protagonista

È un Gosens da doppia cifra: la crescita incredibile del tedesco

Partita dopo partita il laterale di Gasperini migliora sempre di più: manca solo la convocazione con la Germania

È un Gosens da doppia cifra: la crescita incredibile del tedesco
13 Gennaio 2020 ore 00:17

di Fabio Gennari

Se ci fosse un manifesto programmatico sul calcio con titolo “Da buon prospetto a campione, il metodo Gasperini”, la faccia da utilizzare sarebbe senza dubbio la sua. Robin Gosens, tedesco classe 1994 di Emmerich, è arrivato a Bergamo nella stagione 2017-2018 e si è trasformato nel giro di due campionati e mezzo da semplice terzino di fascia dalle poche sbavature a uomo a tutta corsia capace di chiudere e costruire, calciare e assistere i compagni con una facilità di gioco a tratti disarmante.

A Milano contro l’Inter, Gosens ha segnato il settimo gol stagionale in partite ufficiali. Oltre al sigillo sul 3-0 di Kharkiv nella storica serata di Champions League il numero 8 atalantino ha raggiunto quota 6 reti e 4 assist in campionato: 10 marcature su 49 complessive sono state condizionate dall’erede di Spinazzola che troppi giudizi affrettati avevano etichettato come inadeguato al ruolo. La verità è che quando hai mezzi atletici importanti e una testa come la sua, si può fare qualcosa di grande anche se da piccolo preferivi i divertimenti dei ragazzi all’impostazione di un settore giovanile.

Già, perché la storia è nota ma è il caso di ricordarla. Fino a pochi anni fa, Robin Gosens giocava con gli amici nei dilettanti tedeschi la domenica mattina dopo essere stato a ballare la sera prima. Un bel giorno venne notato da un osservatore del Vitesse (squadra olandese, pochi chilometri dal confine tedesco con Emmerich) e nel 2012 iniziò la sua vita nel calcio professionistico. Ciò che può dare in campo lo conosciamo, come è arrivato a questi livelli è molto semplice da capire: testa sulle spalle (studia Psicologia all’Università via web) e impostazione molto rigida (da piccolo ha anche pensato di entrare in Polizia), Gosens ama divertirsi ma è una persona estremamente semplice e tranquilla.

Al campo di allenamento è positivo con tutti, nelle partite mostra disinvoltura e grande applicazione: anche quando la prestazione non è scintillante o dirompente come a Milano, gli basta un attimo per svoltare. Nell’ultimo quarto d’ora ha segnato il gol del pareggio e ha servito a Malinovskyi il pallone da cui poi è nato il rigore. In tutta Europa, forse, c’è solo un uomo che ancora non si è accorto di lui, il ct tedesco Löw. Una convocazione di Gosens con la Germania è scontato che debba arrivare, parliamo di un ragazzo che sta facendo benissimo e per cui in tanti vedono un futuro in una big europea. Anzi, super big, perché per lasciare l’Atalanta di oggi serve davvero una proposta esagerata.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia