Atalanta
Dopo la sconfitta con la Roma

Gasp è una furia per il gol annullato: «Episodio che cambia tutto, gli arbitri spieghino»

Il tecnico si sofferma sulla rete del possibile 2-2 cancellata dal Var: «È un autogol, non sta né in cielo né in terra. Pretendo spiegazioni»

Gasp è una furia per il gol annullato: «Episodio che cambia tutto, gli arbitri spieghino»
Atalanta Bergamo, 18 Dicembre 2021 ore 17:40

È un Gasperini arrabbiatissimo quello che si è presentato ai microfoni di Dazn dopo la pesante sconfitta dell'Atalanta contro la Roma. Ma il motivo non è la prestazione dei suoi... «Sì, abbiamo fatto qualche errore di troppo - ha detto il mister -, ma loro hanno giocato bene. Noi abbiamo fatto anche cose buone. Il problema è un gol preso a freddo, proprio come col Milan o col Villarreal. Però poi ci eravamo ripresi. E nel secondo tempo stavamo giocando a una porta. È il gol annullato del 2-2 che l'ha cambiata».

È stato proprio l'episodio del gol, anzi, dell'autogol di Cristante annullato ad aver fatto arrabbiare il tecnico atalantino: «Questo ce lo devon0o spiegare: se non la tocca Palomino, è regolare. È autogol di Cristante, punto. Oh, ma come si fa? Ci sono ventisei telecamere col Var. L'arbitro ci dice che Palomino l'ha toccata, ma non è così. E se lì dai il 2-2 è un'altra partita, con un'Atalanta in rimonta e in un gran momento. L'arbitro ha dato gol, la palla era al centro. Hanno segnalato il gol di Palomino in fuorigioco dal Var, ma le cose non sono andate così».

Sebbene i commentatori di Dazn tentino di portare Gasperini a commentare anche il lato tattico e tecnico della partita, per Gasp il punto sta tutto in quell'episodio: «Non dico che poi avremmo vinto, ma sicuramente le cose sarebbero cambiate. L'arbitro non è andato a vedere il Var. Quello che lui ci ha detto è che c'era Palomino in fuorigioco e lui ha annullato il gol di Palomino. Ma Palomino non l'ha toccata. È così».

Il tecnico nerazzurro poi conclude: «Abbiamo fatto degli errori tecnici, abbiamo sbagliato qualche appoggio, qualche tiro, più di qualche situazione. Forse più per merito della Roma che per demeriti nostri. Detto questo, nei primi venti minuti della ripresa c'eravamo solo noi. E avevamo trovato il pareggio. Questo è un fatto. Questa roba qui va spiegata, anche se una spiegazione non esiste. Questa roba qui toglie credibilità, non scherziamo. Le immagini non le cambi. Ora chiedo che vengano gli arbitri a spiegare. Come io vengo qui dopo aver perso 4-1, vengano anche loro, perché qui ne va della credibilità del calcio. Se poi mi dicono che è un errore, va be', me ne farò una ragione. Ma questa è una roba che non sta in piedi. Se questo è fuorigioco, allora lo sia sempre».