Il tema tattico

Hateboer, Castagne e Gosens: il ruolo dei “quinti” della Dea è fondamentale

Probabilmente nessuna squadra di Serie A può contare su tre giocatori di questo livello per il ruolo di esterno: li ha plasmati tutti il Gasp

Hateboer, Castagne e Gosens: il ruolo dei “quinti” della Dea è fondamentale
18 Giugno 2020 ore 23:53

di Fabio Gennari

Dei loro numeri abbiamo parlato spesso, presenze e gol segnati sono sotto gli occhi di tutti, ma ciò che rende speciali Hans Hateboer, Timothy Castagne e Robin Gosens è il percorso. Tutti sono stati protagonisti di una crescita incredibile, condividono la partenza nell’ombra e l’esplosione lenta e costante di chi, attraverso il lavoro e la fatica, è arrivato a ritagliarsi un ruolo da protagonista nella Dea dei sogni. E vista la prossima convocazione di Gosens con la Germania, parliamo anche di tre ragazzi nel giro delle rispettive selezioni nazionali.

Uno gioca solo a destra (Hateboer), l’altro solo a sinistra (Gosens), mentre il terzo è utilizzabile su entrambe le fasce. Gasperini ha dimostrato di tenere tutti e tre in grande considerazione e le prestazioni in campo hanno sempre ripagato il mister. Vengono definiti “quinti” perché nello schieramento con due centrocampisti centrali e il trequartista che viene spesso in appoggio, gli esterni devono sempre spingere fino in fondo e il cross da destra trova spesso l’ultimo uomo a sinistra pronto a chiudere in gol. E lo stesso vale a fasce invertite. Un ruolo decisivo negli equilibri del Gasp.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia