Menu
Cerca
Facciamo due conti

Il secondo posto in classifica varrebbe (tutto compreso) circa 45 milioni di euro!

Arrivare il più possibile in alto in classifica permette di incassare parecchio, sia dai premi di A che dalla partecipazione alla Champions

Il secondo posto in classifica varrebbe (tutto compreso) circa 45 milioni di euro!
Atalanta 10 Aprile 2021 ore 08:45

di Fabio Gennari

La qualificazione alla prossima Champions League classificandosi al secondo posto varrebbe più di 45 milioni di euro. Il conto tiene in considerazione sia la “quota” Champions composta da accesso ai gironi (15 milioni), ranking internazionale (circa 5,5 milioni) e Market Pool (stimato in circa 5 milioni), che quella parte di premi derivante dai diritti televisivi di Serie A. Nella passata stagione, la Juventus Campione d’Italia ha incassato 23,4 milioni di euro mentre l’Inter (seconda) è arrivata a 19,4 milioni di euro.

Per la verità, le differenze rispetto al terzo (16,8 milioni) e quarto posto (14,2 milioni), sono minime ma è evidente come un piazzamento in Champions sia clamorosamente diverso rispetto a quello in Europa League. Arrivare al secondo posto significherebbe poi, per l’Atalanta, migliorare ancora il piazzamento delle ultime due stagioni (terzo posto) e avvicinarsi ancora di più a quella vetta da sogno che si chiama scudetto.

Dal punto di vista strettamente economico, più si arriva in alto e maggiori sono gli incassi: in un momento in cui gli stadi sono chiusi e gli introiti da botteghino praticamente azzerati, questo aspetto non va assolutamente messo in secondo piano e quei circa 5 milioni di euro che passano tra il secondo e il quarto posto (oggi separati da appena due punti) possono diventare decisivi sia in fase di trattativa che di definizione dell’ingaggio di un nuovo calciatore.

Tra i tifosi la speranza di arrivare al secondo posto è forte, tanti ritengono prestigioso un traguardo di questo tipo e anche se il successo nella finale di Coppa Italia regalerebbe il secondo trofeo della storia orobica è doveroso continuare a spingere sull’acceleratore in campionato, perché un cammino lungo 38 partite, chiuso con il secondo posto, sarebbe qualcosa di assolutamente straordinario. E decisamente remunerativo.