Atalanta
Il personaggio

La grande occasione di Miranchuk: le doti ci sono, ora deve diventare decisivo

Tanti assenti in attacco e quindi in Coppa Italia spazio (forse per tutta la partita) al numero 59 russo, chiamato a dare risposte

La grande occasione di Miranchuk: le doti ci sono, ora deve diventare decisivo
Atalanta 12 Gennaio 2022 ore 09:20

di Fabio Gennari

Atalanta-Venezia è la grande occasione di Aleksej Miranchuk. Il fantasista russo è entrato molto bene nella partita di domenica a Udine: due assist (Muriel e Maehle) e il velo per Pessina in occasione del 6-2 sono situazioni passate forse in secondo piano davanti al risultato tennistico. Eppure l'impatto del russo sulla partita è stato netto e oggi per il ragazzo ci saranno a disposizione forse novanta minuti a disposizione, come non è praticamente mai capitato, per farsi valere e scalare ancora le gerarchie.

Lo sloveno Ilicic e l'ucraino Malinovskyi sono squalificati, l'altro interprete dei ruoli avanzati a supporto del centravanti, ovvero Pasalic, dovrebbe partire dalla panchina, dunque via libera a un ragazzo che già nella passata stagione bagnò l'esordio atalantino in Coppa Italia con una bella rete su assist di Muriel: era Atalanta-Cagliari, si giocava a Bergamo e il risultato finale di 3-1 premiò i bergamaschi che passarono ai quarti di finale contro la Lazio.

Anche dal punto di vista del mercato queste partite sono preziose. Miranchuk piace molto a tante squadre, il Genoa sembrava vicinissimo all'acquisto ma mister Shevchenko, suo grande estimatore, rischia l'esonero e se dovesse esserci un altro ribaltone in panchina è evidente come la piazza del Grifone diventerebbe molto meno interessante per il ragazzo. Sul tavolo pare ci siano anche le proposte del Verona (mai confermato) e altre compagini, ma la permanenza a Bergamo è possibile.

Quando tornerà Boga dalla Coppa d'Africa (a proposito, l'esordio è previsto per questa sera alle 20 contro la Guinea) gli spazi davanti si ridurranno parecchio, ma nelle gerarchie del Gasp l'obiettivo di Miranchuk non può che essere quello di fare "coppia" con Malinovskyi tra le alternative da utilizzare a destra (con licenza di rientrare), ma anche alle spalle di due punte.