Menu
Cerca
L'editoriale di Xavier Jacobelli

La prima volta di Juric su Gasp: il prezzo dell’impresa di Liverpool. Le fatiche si pagano, ma niente drammi

La prima volta di Juric su Gasp: il prezzo dell’impresa di Liverpool. Le fatiche si pagano, ma niente drammi
Atalanta 28 Novembre 2020 ore 23:32

di Xavier Jacobelli

C’è sempre una prima volta. Ivan Juric non aveva mai battuto il maestro Gian Piero Gasperini. Sino al 28 novembre 1990. La vittoria del Verona è stata meritata: il rigore di Veloso ha rotto l’equilibrio di un incontro giocato a gran ritmo da due squadre che sono due gocce d’acqua, quanto a tattica, mentalità, carica agonistica. La rete di Zaccagni in contropiede ha chiuso la partita.

Non è il caso di drammatizzare: l’Atalanta ha creato diverse occasioni, l’inizio della ripresa è stato tambureggiante, l’Hellas ha avuto la forza di resistere al forcing e non è un caso che i gialloblù vantino la miglior difesa del campionato assieme a quella juventina (7 gol subiti in 9 partite).

La verità è che la straordinaria impresa di Liverpool ha preteso un pedaggio e la Dea l’ha pagato: era prevedibile, dopo le fatiche di Anfield e l’enorme sforzo profuso per battere i campioni del mondo in casa loro, soltanto 72 ore prima della gara con il Verona. Questo non è un alibi, ma un dato di fatto incontrovertibile. E onore a Juric che in tv, dopo la partita, ha esaltato il lavoro di Gasperini, la vittoria di Liverpool e non l’ha fatto certamente per piaggeria.

Sapevamo quali pericoli avrebbe comportato giocare dieci partite in un mese: un tour de force durissimo, senza un attimo di respiro, al tempo del Covid, dei tamponi e di tutto quanto questa anomala stagione si sta portando dietro. Eppure, nonostante la terza sconfitta patita in nove giornate, la fiducia nell’Atalanta non può e non deve essere intaccata.

Ora testa al Mitdiylland: è un bene che già martedì la Dea torni in campo. La squadra è in piena corsa per gli ottavi di Champions. Un passo alla volta, regalerà nuove, grandi soddisfazioni. I cavalli si vedono al traguardo, la corsa è appena cominciata.