Menu
Cerca
Numeri inequivocabili

In tre anni, l’Atalanta è stata per ben 42 giornate (su 106) tra le prime 4 in classifica

La percentuale di partite in cui la squadra di Gasperini ha ottenuto una posizione di classifica che vale il sogno europeo è veramente da applausi

In tre anni, l’Atalanta è stata per ben 42 giornate (su 106) tra le prime 4 in classifica
Atalanta 13 Aprile 2021 ore 09:15

di Fabio Gennari

La continuità di una squadra non si misura sulle chiacchiere e sui proclami, ma sui punti conquistati in classifica. Analizzando gli ultimi tre campionato (quelli in cui la squadra nerazzurra ha centrato la doppia qualificazione in Champions League e il torneo in corso) si scopre che la formazione bergamasca abita ormai in modo fisso i quartieri alti delle graduatoria e merita di essere considerata una big.

Per 42 giornate sulle 106 totali finora disputate, l’Atalanta ha occupato una posizione tra il primo e il quarto posto. Quindi è stata dentro al gruppo di squadre che si meritano l’accesso ai gironi di Champions League dell’anno successivo. Considerando che il campionato annovera tra le partecipanti Juventus, Inter, Milan, Napoli, Roma e Lazio, è incredibile stare quasi per il 40 per cento delle sfide nei posti che contano.

Allargando la valutazione ai primi sei posti della Serie A, quelli che valgono sempre un accesso alle coppe (il settimo vien buono solo se la Coppa Italia la vince una squadra che non è tra le prime sei), la percentuale schizza ancor più in alto, visto che l’Atalanta ha occupato posti che valgono Champions League o Europa League per 75 giornate sulle 106 complessive che si sono disputate.

Adesso che l’Atalanta è al quarto posto, il “parziale” delle giornate di questa stagione con la Dea tra le prime quattro dice dieci volte in 30 partite (sono 21 quelle tra le prime sei), mentre nella passata stagione il risultato è stato addirittura strabiliante: per 37 giornate su 38 la squadra nerazzurra si è trovata in una posizione che valeva l’Europa. Il campionato 2018/19 ha visto la Dea tra le prime sei in 17 giornate su 38. Un risultato straordinario, la conferma che il progetto si porta avanti partita dopo partita, sul campo e non con le dichiarazioni sui giornali.

Condividi