Atalanta

L'arbitro il peggiore in campo Bellini e Maxi sopra tutti

L'arbitro il peggiore in campo Bellini e Maxi sopra tutti
Atalanta 11 Gennaio 2015 ore 17:53

Peruzzo a parte, il peggiore in campo per distacco, nella Dea spiccano le prestazioni di Bellini, Maxi, Zappacosta e Biava in senso positivo mentre Pinilla e soprattutto Dramè incappano in una giornata decisamente negativa. Anche Colantuono non convince fino in fondo: episodio del gol a parte, il Chievo fino allo svantaggio sembrava in controllo della gara e se consideriamo che in casa la Dea doveva provare a far di tutto per vincere si capisce subito come la prestazione non sia stata certamente tra le più positive.

Sportiello 6,5: nemmeno 9’ minuti sul cronometro e arriva la prima grande parata della partita sul destro di Schelotto che conclude a colpo sicuro. Al 27’ si ripete su Paloschi un paio di uscite completano il suo primo tempo dentro una gara che regala pochissime gemme fino all’intervallo. Nella ripresa è praticamente inoperoso, la punizione beffa di Lazarevic è troppo bella per essere presa.

Bellini 7,5: continua sulla buona strada di Genova e gioca un super primo tempo, è bravo sia in fase di anticipo che dal punto di vista tattico. Bravissimo anche nel secondo tempo, finisce la gara sotto la doccia per gli errori di Peruzzo, sfortunatissimo.

Biava 7: ottima partenza , sbroglia un paio di situazioni pericolose ed è sempre in anticipo sul diretto avversario. Incredibile sia stato in panchina per settimane, deve sempre giocare. Miglior difensore in rosa.

Stendardo 6: sull’uomo è attento, fisicamente straripante ma nei movimenti non è sempre lucido. Se la cava con mestiere ma alcune situazioni erano da gestire meglio.

Dramè 4,5: svagato e poco attento come già visto a Marassi, Frey contro di lui per 45’ minuti sembra Dani Alves. Anche nella ripresa butta palloni a casaccio e non spinge mai, inventa conclusioni da fuori senza logica e commette falli ingenui. Perché non gioca Del Grosso? (85’ Del Grosso sv)

Zappacosta 7: al 33’ si inventa un gran numero in mezzo a tre avversari, nel complesso non riesce ad essere ficcante come contro il Genoa fino al riposo. Riparte molto bene nella ripresa, al 71’ sfiora la rete con Bizzarri che mette in angolo e proprio sugli sviluppi del corner trova il gran destro da fuori che vale l’1-0. Altra grande gara da esterno alto.

Baselli 6: buona gara in avvio, al 41’ ha la palla buona in area ma spara di destro fuori di un metro alla destra di Bizzarri. Meno ispirato rispetto a Genova, passo indietro ma gara comunque sufficiente.  (64’ Cigarini 6,5: entra e gioca praticamente solo di prima intenzione.  Cerca pure il destro vincente in pieno recupero, buonissima prova)

Carmona 6,5: primo tempo finalmente sui suoi livelli migliori, lì in mezzo canta e porta la croce senza fallire praticamente nessun pallone. Si conferma in crescita dopo Genova.

Maxi 7,5: suo il primo tiro verso Bizzarri (28’), suo anche il sinistro al 30’ che non impensierisce il numero 1 clivense e suo pure il cross pericolosissimo su cui Pinilla non arriva di un soffio (34’). Continua a recitare da protagonista anche nella ripresa, al 77’ si conquista una rimessa sotto la Creberg e strappa applausi a scena aperta: unico insostituibile di questa squadra.

Pinilla 5: prima sponda al 35’, si vede molto poco e sembra ancora fuori dagli schemi nerazzurri. Ad inizio ripresa passa centravanti, il primo pallone utile arriva al 50’ ma il tocco è sul fondo. Dopo venti minuti della ripresa lascia spazio a Bianchi, prestazione negativa all’esordio. (64’ Bianchi 6: entra e combatte, mette dentro un paio di buoni palloni e nel finale prova la deviazione vincente)

Denis 6: prima vera occasione al 41’, porta troppo palla in area e lo chiudono in angolo. Nella ripresa è bravo a lavorare prima per Pinilla e poi per Bianchi, al 70’ la sua sponda per Maxi è preziosa nel complesso conferma di non essere al top ma comunque aiuta parecchio.

All. Colantuono 5,5: episodio finale a parte, la squadra non gioca una buona partita e il gol di Zappacosta stava portando tantissimi frutti. Peccato per il risultato ma c’è qualcosa da sistemare: Maxi a sinistra ci gioca ma poi svaria molto, tra Denis e Pinilla uno deve fare la seconda punta e a sinistra serve un po’ di riposo per Dramè. Ultimo appunto, Biava: mister non è logico lasciar fuori per scelta tecnica il miglior difensore che abbiamo in rosa.

Peruzzo 3--: il direttore di gara doveva essere Valeri, a lui toccava una riga di fondo. La febbre del collega lo manda in campo dall’inizio a dirigere l’incontro e ne combina di grosse: al 30 ferma un’azione dell’Atalanta per raccogliere la bottiglietta spray che gli era caduta pochi metri più al centro, nel finale rifila due gialli a Bellini senza che il difensore di Sarnico commetta fallo regalando la punizione (c’era pure un dubbio fuorigioco) che Lazarevic scaraventa all’incrocio. Giornata da incubo.

Chievo: Bizzarri 6,5; Frey 6, Dainelli 6(76’ Pellissier 6), Cesar 6,Zukanovic 6; Schelotto 5,5(46’ Gamberini 6), Izco 6, Cofie 6, Birsa 6,5 (77’ Lazarevic 7); Paloschi 6, Meggiorini 6. All. Maran 6,5

8 foto Sfoglia la gallery