L'ex di turno

Maxi Moralez vive a New York ma sogna Bergamo: «Quando smetterò, tornerò lì»

Il "Frasquito" non dimentica la città in cui ha vissuto per quattro anni e mezzo e annuncia cosa pensa di fare una volta appese le scarpe al chiodo

Maxi Moralez vive a New York ma sogna Bergamo: «Quando smetterò, tornerò lì»
31 Marzo 2020 ore 10:00

di Fabio Gennari

Vive a una manciata di chilometri da New York, dove gioca da qualche anno (con ottimi risultati). Attualmente, anche lui è in isolamento e il calcio è in fondo ai suoi pensieri, ma Maxi Moralez, ex attaccante della Dea di Denis e Colantuono, non ha dubbi: il suo futuro è a Bergamo.

Intervistato da gianlucadimarzio.com, il fantasista argentino ha raccontato la sua esperienza da recluso in tempi di Coronavirus: «Vivo con mia moglie e i miei due bambini, che sono piccoli. Loro vogliono giocare sempre. Per fortuna ho il giardino, così possono stare lì quando c’è bel tempo. Approfitto di questo momento per stare insieme a loro e per fare qualche allenamento in casa con mia moglie. Proviamo a divertirci così, perché non possiamo fare molto altro. Non guardo film o serie perché di solito in tv ci sono i cartoni: devo fare quello che vogliono loro».

Il pensiero, in questi giorni così difficili, è anche per Bergamo, quella che è stata per quattro anni e mezzo la sua città. «Ho tanti amici lì. Ieri mi hanno dato la notizia che è morto l’ex marito di una ragazza che conoscevamo. Quando succedono queste cose è brutto perché sai che la gente sta soffrendo troppo. L’unica cosa che dobbiamo fare è restare in casa. A Bergamo è nato mio figlio e rimangono tanti momenti belli che ho vissuto lì. Per me quella città rappresenta tutto, non solo calcio. Oggi l’idea che abbiamo in famiglia è che quando smetterò di giocare, torneremo a Bergamo per vivere lì. Quando in una città ti trovi così, con la gente che ti accoglie bene sin dal primo giorno, sono cose che ti segnano per sempre».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia