Bagarre tra i pali

Musso, Cragno e Ospina: porte girevoli alla Dea, chi arriva (forse) al posto di Gollini?

A un mese dall'inizio della preparazione, l'Atalanta lavora per il nuovo numero 1 da mettere a disposizione del tecnico Gasperini

Musso, Cragno e Ospina: porte girevoli alla Dea, chi arriva (forse) al posto di Gollini?
Atalanta 16 Giugno 2021 ore 09:45

di Fabio Gennari

Tante voci, ma (per ora) nessuna accelerata e una situazione che appare abbastanza chiara: l'Atalanta cerca un nuovo portiere. Il preferito, lo abbiamo scritto più volte, è Juan Musso dell'Udinese. L'argentino è reduce da un campionato importante con i friulani ed è nel giro della nazionale allenata dal ct Scaloni. Per acquistarlo servono parecchi soldi, la valutazione della società bianconera supera i 20 milioni e resta da capire se sia possibile inserire delle contropartite tecniche nel discorso. Situazione da monitorare.

Oltre all'estremo dell'Udinese, secondo alcune indiscrezioni la Dea avrebbe messo gli occhi anche su Cragno del Cagliari. In questo caso il vantaggio sarebbe soprattutto regolamentare, visto che nella lista dei 25 calciatori per campionato e coppe il numero 1 dei sardi entrerebbe con le stesse "credenziali" di Pierluigi Gollini: cresciuto nel vivaio italiano e quindi iscrivibile tra i quattro giocatori della speciale sezione riservata ai ragazzi del nostro calcio.

Le voci su Ospina non trovano invece particolari riscontri. Il colombiano del Napoli è un altro profilo gradito e anche se ha il costo di cartellino molto basso (si parla di 3-5 milioni) l'ostacolo potrebbe essere rappresentato dall'ingaggio. Dal punto di vista strategico, l'acquisto dell'estremo difensore dei partenopei sarebbe propedeutico all'inserimento futuro del giovane Carnesecchi (classe 2000), che sarà ancora in prestito a Cremona dove avrà la possibilità di giocare il secondo campionato tra i cadetti da protagonista.

Tutti questi scenari presuppongono un addio (preventivo o successivo, questo potrebbe essere un dettaglio) di Pierluigi Gollini. Il numero 95 di Poggio Renatico non è incedibile, la Lazio e la Roma ci pensano e la valutazione si aggirerebbe sui 15 milioni di euro. Un ostacolo potrebbe essere rappresentato dal fatto che le romane non giocheranno la Champions. A questo proposito, l'agente del giocatore è stato abbastanza chiaro in una recente intervista, ribadendo che il suo assistito vuole disputare la massima competizione europea.