Atalanta

Reja: «Troppi errori a Bologna Col Milan meno leggerezze»

Reja: «Troppi errori a Bologna Col Milan meno leggerezze»
Atalanta 06 Novembre 2015 ore 15:34

Mettere una pietra sopra la disfatta di Bologna e ricominciare da San Siro. Edy Reja avvisa la truppa: il 3-0 di domenica scorsa va cancellato in fretta. L'Atalanta deve imparare dai suoi errori per completare quel processo di maturazione ancora incompiuto. Il Milan sarà un altro importante crash test per valutare la reale consistenza di una squadra che finora fuori casa non è riuscita ad esprimersi come nel suo "fortino". È tempo di far punti anche lontano da Bergamo, basta con la Dea a due facce.

Dimenticare Bologna. «Sto ancora pensando a quello che è successo nel secondo tempo a Bologna. Mi auguro non capiti più: ho visto troppi errori. Sull'1-0 si doveva restare concentrati e non mollare. E poi quando abbiamo subito il 2-0 non siamo riusciti a tirare una volta in porta. Questi sono difetti da correggere assolutamente. Ma guardiamo avanti, alla sfida di domani sera».

Milan lanciato. «Il Milan sta vivendo un momento particolare di forma psicofisica. Però per quello che ho visto in settimana noi siamo in grande salute, certamente stiamo meglio rispetto a quella scorsa, quando avevamo sofferto un po' la sfida infrasettimanale con la Lazio. Andiamo a Milano per fare la nostra partita»..

Mihajlovic? Uno giusto. «Mihajlovic ci teme? Fanno piacere i complimenti da uno come lui, che ha fatto una carriera importante da giocatore e sta facendo altrettanto bene da allenatore, prima con la Serbia e poi con la Samp. Sotto l'aspetto tattico e caratteriale è uno giusto. Ha delle convinzioni forti e le sta portando avanti. Non guarda in faccia a nessuno, se decide una cosa la fa. Questo dimostra grande sicurezza, qualità importante un tecnico. Farà tanta strada».

Identità nerazzurra. «Mi piacerebbe mantenere la nostra identità. Ci sarà qualche accorgimento tattico, ma vorrei andare a Milano per affrontare i rossoneri con il nostro solito modo di giocare. I ragazzi stanno tutti bene, quando affronti squadre come il Milan sono tutti in salute perché tutti vorrebbero esserci. Anche Dramè è recuperato, ho varie possibilità di scelta. Cigarini sta crescendo, ha cambiato passo, merita di essere tenuto in considerazione. Vedremo domani. Kurtic? Aveva iniziato bene, ultimamente lo sto sostituendo spesso ma solo per tentare soluzioni diverse. Ma le sue qualità non si discutono».

Solidità cercasi. «Bonaventura non ci sarà ma non è che mi dispiaccia... Negli ultimi tempi era il rossonero a rendimento più alto. Vedremo chi giocherà a centrocampo, speriamo di poter competere e di portare via un buon risultato. Sarebbe una bella soddisfazione dopo la partita di Bologna, che finora è stata la prestazione peggiore. Certo non siamo fortunati, stiamo incontrando tutte le squadre nel loro momento migliore. Anche il Milan sembra ormai aver superato la fase critica. Ma questo non deve essere un alibi, conta solo la nostra mentalità. Voglio vedere meno leggerezze, mi aspetto una crescita mentale, mi piacerebbe acquisire una certa solidità».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter