Atalanta
Gara spettacolare

L'Atalanta in dieci pareggia col Sassuolo (1-1), sbaglia un rigore, ma resta seconda

In vantaggio nonostante l'uomo in meno, la squadra bergamasca si fa rimontare e fallisce con Muriel nel secondo tempo il rigore della vittoria

L'Atalanta in dieci pareggia col Sassuolo (1-1), sbaglia un rigore, ma resta seconda
Atalanta 02 Maggio 2021 ore 17:13

di Fabio Gennari

Gli errori, è una vecchia legge del calcio, si pagano a caro prezzo. L’Atalanta di Gasperini pareggia 1-1 in casa del Sassuolo. Al netto di una conduzione arbitrale che, soprattutto in occasione del rigore per i padroni di casa, non ha convinto, i bergamaschi hanno poco da recriminare: il rosso a Gollini (giusto) e il rigore della vittoria fallito da Muriel (calciato malissimo) lasciano che il punteggio venga deciso da Gosens e Berardi. Il migliore in campo è senza dubbio il portiere dei padroni di casa, Consigli, e questo conferma che comunque la squadra orobica ha creato delle ottime opportunità da gol.

Una conferma e una sorpresa per Gasperini alla lettura delle formazioni ufficiali. Come previsto si riforma la coppia di esterni titolari formata da Hateboer e Gosens (non accadeva da Milan-Atalanta del 23 gennaio scorso) mente in attacco resta fuori inizialmente Muriel, con Pessina e Malinovskyi a supporto di Zapata. Nel Sassuolo recupera Defrel (titolare), la sua posizione al centro dell’attacco viene supportata da Berardi, Traore e Boga per un 4-2-3-1 decisamente offensivo.

La gara inizia con un bel sole primaverile a pettinare l’erba del Mapei Stadium, la brezza che accompagna i giocatori è piacevole e la gara vede subito la Dea in pressione offensiva. Al 5’ Malinovskyi costringe Consigli alla deviazione in angolo (punizione defilata) e dopo un salvataggio di Djimsiti su Obiang (20’) arriva il primo episodio decisivo della gara. Su una palla in profondità, Hateboer si lascia scappare alle spalle Boga, Gollini decide incomprensibilmente di uscire ai 40 metri, ma è in ritardo e stende l’attaccante dei neroverdi: Pairetto fischia fallo, estrae il rosso e conferma la decisione anche dopo un passaggio al VAR. Decisione giusta.

Gasperini toglie subito Pessina con Sportiello al suo posto, il numero 57 dei nerazzurri al 30’ mette in angolo la conclusione di Locatelli e al 32’ è l’Atalanta a passare in vantaggio: Djimsiti per Malinovskyi, altro assist del numero 18 ucraino questa volta per Gosens che da posizione defilata insacca il suo decimo gol in campionato. Il 3-4-1-1 dei nerazzurri è molto ordinato, al 39’ Freuler perde palla e Berardi per poco segna il gol del pareggio, ma prima del riposo è ancora l’Atalanta a farsi vedere con Zapata che insacca dopo la parata di Consigli su Djimstiti. Il raddoppio però viene vanificato dalla posizione di fuorigioco del numero 21 albanese. Le squadre vanno al riposo sullo 0-1 per gli ospiti e il risultato è sostanzialmente giusto.

In avvio di ripresa il direttore di gara Pairetto assegna al 50’ un calcio di rigore decisamente generoso per un contatto lieve tra Toloi e Traore. Sul dischetto si presenta Berardi che mette all’angolino con Sportiello fermo in mezzo ai pali. Sul punteggio di 1-1, l’Atalanta al 58’ costruisce una bella occasione per passare di nuovo avanti con Malinovskyi che mette nello spazio per Hateboer, il numero 33 olandese è bravo a far tutto, ma il suo sinistro dopo la sterzata su Kyriakopoulos viene alzato in angolo da Consigli.

Al 66’ Pairetto fischia un fallo a palla lontana di Ferrari su Toloi (manca il secondo giallo), al 75’ anche il Sassuolo resta in 10 uomini per la doppia ammonizione di Marlon con assegnazione di un calcio di rigore a Muriel dopo il contatto tra i due in area. È l’occasione più grande per scappare di nuovo avanti nel finale di partita, il numero 9 dei nerazzurri però calcia malamente con il destro e sulla respinta di Consigli lo stesso colombiano scivola a due passi dalla porta sguarnita.

Nel finale le squadre sono stanche, la Dea ci prova all’83’ con De Roon che non riesce a beffare da centrocampo Consigli e al 92’ è Malinovskyi (il migliore degli orobici) a costringere Consigli alla deviazione in angolo: sul tiro dalla bandierina, prima Hateboer trova ancora il portiere a salvare e sul sinistro di Gosens (93’) è Raspadori a respingere a due passi dalla linea di porta. Il pareggio, al fischio finale di Pairetto, sta un po’ stretto alla formazione ospite. Tuttavia, grazie al pareggio del Napoli con il Cagliari c’è comunque la possibilità di fare un mezzo sorriso: il secondo posto è confermato e c'è una partita in meno alla fine del campionato.

Sassuolo-Atalanta 1-1

Reti: 32’ Gosens (A), 52’ Rig. Berardi (S)

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli, Muldur (86’ Toljan), Marlon, Chiriches (46’ Ferrari), Kyriakopoulos, Obiang (60’Bourabia), Locatelli, Berardi, Traore, Boga, Defrel (46’ Raspadori). All. De Zerbi

Atalanta (3-4-1-2): Gollini, Toloi (79’ Palomino), Romero, Djimsiti, Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens, Pessina (25’ Sportiello), Malinovskyi, Zapata (60’ Muriel). All. Gasperini.

Arbitro: Pairetto di Nichelino (Peretti e Longo; Rapuano; Massa e Meli)

Ammoniti: 28’ Marlon (S), 33’ Chiriches (S), 40’ Locatelli (S), 45’ Obiang (S), 54’ Ferrari (S), 77’ Djimsiti (A)

Espulsi: 25’ Gollini (A), 75’ Marlon(S)