Sempre al lavoro

Tutti fermi, scout compresi: come cambia il lavoro di chi cerca i giocatori

Come si muovono i "cacciatori di talenti" ora che siamo tutti costretti a restare in casa?

Tutti fermi, scout compresi: come cambia il lavoro di chi cerca i giocatori
01 Aprile 2020 ore 10:30

di Fabio Gennari

In questo momento in cui il calcio è completamente fermo e le riunioni che vengono fatte sono tutte in videoconferenza, c’è una particolare categoria di addetti ai lavori che deve in qualche modo reinventarsi: parliamo degli uomini dello scouting. L’Atalanta ha in Giovanni Sartori il primo referente di chi passa il suo tempo a veder partite in giro per il mondo, la sua “squadra” è formata da tanti uomini di fiducia di cui si sa poco e non è facile capire quanti siano: qualcuno sostiene siano una decina, altri parlano di 18-20 persone impegnate a vario titolo in questa continua opera di ricerca e schedatura dei profili.

In condizioni normali, marzo e aprile sono solitamente i mesi in cui si cerca di stringere e quindi si va sui campi, si prendono contatti importanti e si inizia a parlare in modo approfondito con i procuratori. Gli stessi agenti, in caso abbiano qualcuno da proporre, si muovono verso società e (sempre più spesso) allenatori e cercano di far vedere i propri assistiti il più possibile. Senza partite ufficiali da almeno un mese a questa parte, come ci si organizza?

La piattaforma Wyscout è sicuramente un ottimo alleato: i giocatori già visionati nei mesi scorsi vengono nuovamente visionati, ma il grande vantaggio è quello relativo alle rose collaudate. In questa fase, l’Atalanta ha il vantaggio di essere ben rodata e di aver mosso passi importanti sui giovani già a gennaio. Quando tutto ricomincerà, anche il mercato riprenderà vigore ma mai come questa volta bisognerà pesare tanti elementi prima di prendere qualsiasi decisione.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia