Le bocche da fuoco

Verso il Torino, l'attacco sulle spalle di Muriel e Ilicic (più uno tra Malinovskyi e Miranchuk)

L'assenza del bomber di calì mette in pole il compagno sudamericano e lo sloveno con uno tra il russo e l'ucraino a completare il reparto

Verso il Torino, l'attacco sulle spalle di Muriel e Ilicic (più uno tra Malinovskyi e Miranchuk)
Atalanta 19 Agosto 2021 ore 09:44

di Fabio Gennari

Senza Duvan Zapata, che rientrerà dopo la sosta, l'attacco della Dea contro il Torino sarà tutto sulle spalle di Luis Muriel, Josip Ilicic e probabilmente Ruslan Malinovskyi. Con il russo Miranchuk e il giovane Piccoli pronti a dare una mano. Chiaramente l'assenza del numero 91 colombiano pesa, ma Gasperini non cade di certo male visti gli altri giocatori a disposizione.

Muriel non è in senso stretto un centravanti di peso, però i suoi numeri sono importanti. Ha chiuso la serie A 2020/21 con 22 reti all'attivo, senza rigori sarebbero 20 e avrebbe fatto meglio di Lukaku, che è arrivato a 18 gol su azione. Nella scorsa stagione il colombiano ha vissuto la miglior annata della sua carriera con ben 26 reti in 48 presenze ufficiali distribuite in tutte le competizioni. Al dato delle marcature vanno aggiunti anche 11 assist (9 in campionato).

Vicino a Muriel ci sarà Josip Ilicic e questa è la novità più importante degli ultimi 15 giorni. Dopo settimane in cui sembrava con la valigia in mano, alla fine il numero 72 resterà a Bergamo e dopo aver svolto la preparazione senza intoppi sarà lui a guidare l'attacco alla ricerca del primo successo in campionato. A Torino con la Juventus, nell'amichevole di settimana scorsa, Ilicic ha fatto una bella gara e la speranza è che l'aria del capoluogo piemontese gli faccia ancora una volta bene: nello 0-7 di due anni fa segnò un gol incredibile da centrocampo.

Il terzo attaccante sarà uno tra Malinovskyi (favorito) e Miranchuk (recuperato). È quasi certo che alla fine giocheranno tutti e due nell'arco dei 90 minuti, anche perché per Gasperini non ci sono poi troppi cambi a disposizione e per questa prima sfida (con Freuler e Toloi squalificati oltre a de Roon) sarà necessario per tutti stringere i denti e dare il massimo pur senza una condizione ancora al top.