Attualità
conseguenze del lockdown

Da un anno Camerata Cornello è senza il bar: il Comune cerca un gestore

L'Amministrazione ha messo a bando la gestione di un immobile di sua proprietà. Per i primi cinque anni non si paga il canone

Da un anno Camerata Cornello è senza il bar: il Comune cerca un gestore
Attualità Val Brembana e Imagna, 02 Giugno 2021 ore 15:10

Da oltre un anno a Camerata Cornello non c’è un bar. Nessun luogo dove poter fare colazione con un caffè e una brioches, oppure dove ritrovarsi la sera a fare due chiacchiere davanti a un aperitivo. Nel tentativo risolvere la situazione, il Comune ha quindi aperto un bando per la concessione di un immobile di sua proprietà in piazza Avis-Aido, a patto che all’interno venga realizzato un punto di ristoro per il paese.

A determinare la morte dello storico bar-trattoria di Camerata Cornello è stato il lockdown dell’anno scorso, finito il quale l’attività non ha più riaperto. La crisi economica e la situazione epidemiologica nei mesi scorsi ancora altalenante hanno fatto il resto, tanto che nessuno si è fatto avanti per rilevare l’attività.

Il locale proposto dal Comune si trova al piano terra di uno stabile con altri quattro appartamenti e ha superficie interna pari a 85 metri quadrati, oltre a un’area esterna dove sarà possibile installare un dehors estivo e sarà dato in concessione per nove anni dalla data di sottoscrizione del contratto.

L’immobile sarà consegnato al gestore privo dell’arredamento e degli impianti, che dovranno essere realizzati a spese del concessionario. Gli importi spesi verranno compensati in parte nel canone d’affitto ma al termine della concessione le strutture e gli impianti realizzati rimarranno di proprietà dell’ente.

Il canone è di 600 euro mensili ma «per agevolare l’apertura dell’attività – si legge nell’avviso pubblico – l’amministrazione stabilisce che per i primi cinque anni non è dovuto». A partire dal sesto anno il canone applicato sarà quello concordato all'aggiudicatario, rivalutato secondo l'indice Istat. Il concessionario sarà anche esonerato dal pagamento degli oneri per il cambio di destinazione d'uso dell'unità immobiliare.

È possibile consultare il bando a QUESTO LINK. Le persone interessate dovranno presentare la propria domanda entro mezzogiorno del 2 luglio.