Attualità
progetto approvato in giunta

È sempre più vicino il passaggio del centro sportivo di Loreto al CUS di Bergamo

Deliberati la convenzione e il progetto di valorizzazione degli impianti, sviluppati in sinergia con l'Università. Lunedì se ne discute in Consiglio

È sempre più vicino il passaggio del centro sportivo di Loreto al CUS di Bergamo
Attualità Bergamo, 19 Ottobre 2021 ore 17:09

Si fa sempre più concreto il passaggio del centro sportivo di Loreto, in via Broseta, al CUS di Bergamo. Oggi, martedì 19 ottobre, la Giunta comunale ha ufficializzato la collaborazione già annunciata dal consiglio d’amministrazione dell’Ateneo, deliberando la convenzione e il progetto di valorizzazione sviluppati in sinergia con l'Università degli studi di Bergamo.

La palla passa quindi al consiglio comunale, che nella seduta di lunedì prossimo (25 ottobre) sarà chiamato a discutere il contenuto della delibera e della convenzione approvate in giunta.

Le caratteristiche del centro sportivo

Il centro sportivo di Loreto, gestito direttamente per poco più di un paio d’anni dalla società BergamoInfrastrutture, ha da sempre una vocazione tennistica: ospita infatti cinque campi in terra battuta e uno in sintetico, che viene utilizzato anche per organizzare partite di calcetto.

L’obiettivo, condiviso da Palazzo Frizzoni e Università, è di creare un polo aperto alla città e agli sportivi di tutte le età, in grado di offrire attività con tariffe diversificate per gli studenti universitari, residenti a Bergamo e non residenti. La convenzione disciplina anche il progetto di ampliamento e di sistemazione dell’impianto: nei prossimi due anni, il CUS di Bergamo attuerà un piano di riqualificazione del valore di 940 mila euro.

Grazie a questo investimento verranno realizzati quattro campi coperti e due scoperti, dedicati soprattutto al tennis, ma verranno anche ristrutturati la club house con spogliatoi, reception e area ristoro.

«Puntiamo a far diventare questo luogo uno dei punti principali del CUS in città – spiega l’assessore allo sport Loredana Poli –. È una scelta che richiede investimenti per rinnovare strutture e spazi. Abbiamo l’occasione di poter lavorare insieme anche per i giovani e per la cittadinanza in generale. In caso di approvazione da parte del consiglio comunale, troverebbe la sua collocazione un altro tassello della riqualificazione degli impianti sportivi della parte ovest della città, dopo gli investimenti realizzati per la nuova palestra per la scherma e i lavori che, entro i prossimi anni, andranno a migliorare le strutture del comparto dei campi sportivi tra il parco Cittadini e la Briantea».

Cosa prevede la nuova convenzione

Il nuovo corso nella gestione del centro implicherebbe anche un ampliamento dell'orario di apertura dei campi e un'offerta sportiva aggiornata. Il CUS sarà chiamato anche a svolgere attività caratterizzate dall’attenzione all’inclusione e all’avviamento sportivo dei giovani, ma anche a promuovere la collaborazione con altri enti e istituzioni scolastiche.

«La collaborazione con il Comune nasce sia dalla volontà di creare una vera e propria Università diffusa – spiega il rettore Remo Morzenti Pellegrini – sia dalla necessità di diversificare l’offerta di impianti e attrezzature a disposizione della comunità accademica. Vorremmo riuscire a offrire ulteriori luoghi di aggregazione, come più volte richiesto dalla comunità studentesca. Per questo motivo riteniamo che sia indispensabile portare a termine la creazione di un vero e proprio “CUS territoriale” dislocato in più sedi: il CUS di Loreto potrà affiancare il CUS centrale di Dalmine».