Attualità
l'intervento di riqualificazione

Ex Gres, terminati i lavori per la rotatoria in via San Bernardino. Bonificato dai rifiuti il Parco Ovest

Sparito il semaforo all'incrocio tra le vie Corti, Falcone e San Bernardino, nel quartiere di San Tomaso de’ Calvi

Ex Gres, terminati i lavori per la rotatoria in via San Bernardino. Bonificato dai rifiuti il Parco Ovest
Attualità Bergamo, 29 Settembre 2021 ore 12:00

Via l’incrocio e il semaforo. Tra le vie Corti, Falcone e San Bernardino, nel quartiere di San Tomaso de’ Calvi, la viabilità sarà regolata d’ora in poi grazie alla nuova rotatoria.

L’intervento, portato a termine dalla Cospe Costruzioni, si inserisce nell’ambito della riqualificazione dell’area ex Gres, sulla quale una convenzione risalente a 15 anni fa ha previsto l’edificazione di altre palazzine.

La nuova rotatoria ha un raggio 15 metri. Al suo interno verranno piantati arbusti di biancospino, sambuco e nocciolo, oltre a quattro carpini. Inoltre, la sua realizzazione ha determinato un nuovo piccolo spazio verde lungo la strada, nel quale verranno piantati a breve quattro nuovi platani.

La riqualificazione dell’ex Gres

L’operatore privato proprietario dell’area dismessa, sulla quale costruirà le nuove palazzine, oltre alla rotonda, si è impegnato a realizzare opere per un valore di circa 5 milioni di euro. In particolare il nuovo Parco Ovest, che si estenderà su una superficie di oltre 120 mila metri quadrati.

All’area verde si aggiungeranno due parcheggi, la posa di un’altra passerella ciclopedonale che scavalcherà la circonvallazione, arrivando nella zona del Famila di Colognola, e altre opere di urbanizzazione primaria legate alla viabilità, al miglioramento della rete fognaria e all’illuminazione a led. Nel quartiere sorgerà una nuova palestra, già inclusa nel piano delle opere pubbliche.

Le palazzine verranno costruite in gran parte sul vecchio deposito dei tubi. Saranno edifici di due piani e di cinque piani, per una superficie totale di 19.255 metri quadrati, 2.200 metri quadrati in meno rispetto alla revisione del progetto precedente. Di questi, 1.400 metri quadrati saranno destinati ad attività del terziario.

In questi mesi è stato anche condotto un intervento di bonifica nel Parco Ovest 1 da parte degli operatori di Aprica, che hanno scoperto una sorta di discarica a cielo aperto e rimosso un gran numero di rifiuti scaricati abusivamente.

Seguici sui nostri canali