Attualità
a montecitorio

Gestione dell'emergenza Covid, nel giorno dei Morti i familiari delle vittime in piazza a Roma

Chiedono che il Parlamento istituisca una commissione d'inchiesta che indaghi sulla gestione della pandemia. La petizione a oltre 10mila firme

Gestione dell'emergenza Covid, nel giorno dei Morti i familiari delle vittime in piazza a Roma
Attualità Bergamo, 30 Ottobre 2021 ore 12:41

«Vogliamo una commissione d'inchiesta sulla gestione della pandemia in Italia». È la richiesta che da mesi i familiari delle vittime del Covid vanno ripetendo alle istituzioni, per rispetto nei confronti delle migliaia di persone che hanno perso la vita durante la pandemia. Perché si possa fare giustizia e chiarire cosa è andato storto e cosa, invece, è stato gestito in modo opportuno.

Per queste ragioni, come riportano anche i colleghi di PrimaBrescia, una parte dei familiari delle vittime martedì 2 novembre, nel giorno dedicato ai Morti, sarà a Roma, in piazza Santi Apostoli, poco distante da Montecitorio, per una commemorazione pacifica e silenziosa.

«Sentiamo sempre parlare di memoria, dei camion di Bergamo e delle persone che su quei camion hanno pagato a prezzo della loro vita l'impreparazione dell'Italia ad affrontare la pandemia e la conseguente incapacità gestionale delle istituzioni le quali, nella fase iniziale, non hanno posto in essere provvedimenti drastici che, quantomeno in certe zone del Paese, avrebbero consentito di salvare parecchie vite umane – spiegano gli organizzatori in una nota -. Prendiamo atto che alle commemorazioni ufficiali delle vittime del Covid nessun rappresentante istituzionale abbia mai ritenuto di far partecipare una delegazione dei familiari di quelle vittime».

Questi stessi familiari delle vittime hanno anche lanciato una petizione sulla piattaforma change.org (QUI IL LINK) per chiedere una volta di più al Parlamento di istituire una commissione d'inchiesta ad ampio raggio, che non si limiti a indagare solamente ciò che avvenne in Cina e prima che la pandemia scoppiasse in Italia. Ad oggi le firme raccolte sono oltre 10 mila a dispetto di ciò che le istituzioni starebbero dimostrando, ossia «di non volersi assumere la responsabilità di indagare sui motivi che hanno portato a contare un numero di vittime così elevato».

«Sarà una manifestazione simbolica – aggiungono i familiari delle vittime - davanti a quel luogo in cui, almeno fino ad oggi, non si è ritenuto di istituire una commissione di inchiesta a 360 gradi, come è avvenuto in altri Paesi, senza limitazioni di tempo e luogo come alcuni emendamenti “trasversali” (proposti da parlamentari bergamaschi e bresciani di Lega e PD ndr) hanno tentato di porre, evidentemente nel tentativo di nascondere ogni eventuale responsabilità».

Alla commemorazione di martedì saranno presenti anche Robert Lingard e una delegazione di avvocati del team legale, guidato dall’avvocato Consuelo Locati, che patrocina la causa civile pendente avanti il tribunale civile di Roma, nell’interesse di oltre 600 familiari di vittime del Covid. Una causa che volta a stabilire le responsabilità politiche e istituzionali sia nella fase pre-pandemica sia in quella iniziale e tendente a ottenere un ristoro dei danni legati alle perdite dei parenti.