Attualità
la lettera alle autorità

Il comitato per l'ospedale di San Giovanni Bianco: «La sua difesa una battaglia sacrosanta»

Per gli abitanti della valle l'aver multato sindaci e residenti è un «fatto incredibilmente increscioso e assurdo», che potrebbe anche costituire un «precedente pericoloso».

Il comitato per l'ospedale di San Giovanni Bianco: «La sua difesa una battaglia sacrosanta»
Attualità Val Brembana e Imagna, 07 Settembre 2021 ore 10:19

La denuncia dell’impoverimento dei servizi e la difesa dell’ospedale di San Giovanni Bianco è «una sacrosanta “battaglia” che deve coinvolgere e responsabilizzare ogni soggetto civico e politico: sindaci e cittadini». Aver multato i primi cittadini della valle e alcuni residenti è un «fatto incredibilmente increscioso e assurdo», che potrebbe anche costituire un «precedente pericoloso».

Gli abitanti della Val Brembana, i cittadini di San Giovanni Bianco e il comitato “Ospedale vivo” non vogliono che alle multe staccate per la manifestazione autorizzata del 7 agosto scorso e alla solidarietà dei politici, che chiedevano l’annullamento delle sanzioni (da mille a 4mila euro), segua il silenzio. Per questa ragione hanno deciso di scrivere al Ministero e all’assessorato alla sanità della Regione Lombardia, oltre che alla Prefettura di Bergamo e alla Procura.

«Tali sanzioni hanno colpito anche normali cittadini che hanno protestato nel modo più civile e pacifico contro il continuo depotenziamento dei servizi sanitari nel nostro territorio e per far valere un diritto primario, garantito dalla Costituzione, come quello della salute – si legge nella lettera -. Dobbiamo supporre che multare i sindaci significhi punire l’intera popolazione della Val Brembana? Oppure che il diritto della libertà a manifestare democraticamente sia un piacere e non un dovere dei rappresentanti istituzionali del territorio?».

«Mentre le sanzioni colpiscono coloro che conducono questa battaglia – concludono -, Asst Papa Giovanni e prima ancora l’Azienda ospedaliera di Bergamo possono tranquillamente violare norme di legge mettendo a rischio la salute dei cittadini non assicurando quei servizi che la legge prevede come obbligatori presso il presidio ospedaliero di San Giovanni Bianco».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter