Attualità
opere pubbliche

Il nuovo ponte di Taleggio in località Peghera pronto entro la fine di dicembre

L’infrastruttura sostituirà il viadotto attuale. Un'opera del valore di 1 milione 800 mila euro, di cui 1 milione e 400 mila erogati dalla Regione

Il nuovo ponte di Taleggio in località Peghera pronto entro la fine di dicembre
Attualità 21 Maggio 2021 ore 15:17

Il nuovo ponte a Taleggio, che collegherà la strada provinciale 24 alla località Peghera, sarà pronto entro la fine di dicembre. È questo l’esito del sopralluogo al cantiere effettuato oggi, venerdì 21 maggio, dall’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, e dal presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli.

La realizzazione dell’infrastruttura è stata finanziata con un investimento di 1 milione 800 mila euro, di cui 1 milione e 400 mila erogati dalla Regione grazie al Patto per la Lombardia e al Piano Lombardia, i restati 400 mila euro provenienti dalle casse provinciali. L’intervento, oltre alla sostituzione dell’attuale ponte bailey, prevede anche la messa in sicurezza del versante franato.

«Il nuovo viadotto – spiega l’assessore Terzi -, in sostituzione del manufatto provvisorio, garantirà una viabilità funzionale al territorio e alla sua economia. È una buona notizia per chi in vive e lavora in valle e per i turisti che visiteranno questi luoghi splendidi».

3 foto Sfoglia la gallery

Gli operai sono al lavoro per costruire il ponte in una posizione più a valle di quella odierna: sarà lungo 56 metri e costituito da una struttura a scavalco della valle del torrente Corna Grande con due campate. In seguito verranno realizzati anche i raccordi al tracciato stradale esistente sul lato di Olda e di Peghera, oltre agli interventi di regimazione dell’alveo della Corna Grande.

«Ci avviciniamo alla soluzione di uno dei punti più critici della viabilità bergamasca – commenta il presidente Gafforelli –. La fragilità geologica del terreno ha messo a dura prova i nostri uffici, ma era fondamentale far sì che il territorio non venisse isolato».