Attualità
sul sito del comune di bergamo

Parco Sant'Agostino, Goisis e Trucca: online il bando per la gestione dei tre estivi

I tre spazi rimarranno aperti dal 27 maggio all'11 settembre. Per l'assegnazione verrà data la precedenza agli esercenti privi di spazi all'aperto

Parco Sant'Agostino, Goisis e Trucca: online il bando per la gestione dei tre estivi
Attualità Bergamo, 15 Aprile 2022 ore 13:14

A Bergamo se si parla di “estivi” non si può che pensare al parco Sant’Agostino, all’area esterna al parco Goisis e alla Trucca. E anche quest’anno, in vista dell’estate, Palazzo Frizzoni ha messo a bando la gestione di queste tre aree, assegnabili dal 27 maggio all’11 settembre.

Rispetto all’anno scorso, vista anche la fine dello stato di emergenza pandemica, l’Amministrazione ha ridotto il numero degli spazi della città messi a disposizione degli esercenti. I parchi Sant’Agostino, Goisis e della Trucca verranno assegnati prioritariamente ai baristi e ai ristoratori che non dispongono di dehors o di altre aree per lavorare all’aperto. L’avviso pubblico per la gestione degli estivi è online da oggi (15 aprile) sul sito del Comune di Bergamo.

Dalla domenica al giovedì i tre estivi potranno restare aperti fino all’una del mattino; il venerdì e il sabato, invece, gli spalti di Sant’Agostino rimarranno aperti fino all’una del mattino, mentre il parco della Trucca e l’area verde esterna al parco Goisis potranno restare aperti fino alle due del mattino. I clienti per bere e mangiare qualcosa dovranno necessariamente sedersi al tavolo.

I commercianti interessati potranno inviare la documentazione richiesta dal bando entro e non oltre le 12.30 del 9 maggio all’ufficio protocollo del Comune. «Si delinea così un altro pezzo del piano di somministrazione all’aperto per l’estate – spiegano da Palazzo Frizzoni -, che vede la semplificazione delle richieste per la collocazione di un dehor (fino a un massimo di nove anni di concessione) in città fino al prossimo 30 giugno, la conferma sostanziale di quasi 200 dei dehors o dei loro ampliamenti concessi nel periodo di emergenza».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter