Attualità
pazza estate

Tempesta d'acqua e ghiaccio su pascoli e alpeggi: sale il conto dei danni per l'agricoltura

Secondo una stima di Coldiretti è salito a 789 il conto degli eventi estremi che hanno colpito l’Italia dall’inizio dell’estate

Tempesta d'acqua e ghiaccio su pascoli e alpeggi: sale il conto dei danni per l'agricoltura
Attualità Val Brembana e Imagna, 02 Agosto 2021 ore 12:04

Grandine che cade come se fosse neve, bombe d’acqua e violente raffiche di vento. Con lo scorso fine settimana, sale a 789 il conteggio degli eventi estremi che hanno colpito l’Italia dall’inizio dell’estate secondo l’analisi di Coldiretti basata sui dati dell’European Severe Weather Database.

«Tra gli eventi estremi – precisa Coldiretti – sono praticamente triplicate le grandinate, con 11 tempeste di ghiaccio al giorno dall’inizio dell’estate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno».

A pagare un conto dei danni sempre più salato è l’agricoltura bergamasca: l’ultima perturbazione ha investito a macchia di leopardo diverse aree della Val Brembana, Valle Imagna e Val Seriana con violenti nubifragi e grandinate.

Il rifugio del Monte Avaro è stato ricoperto dai chicchi di ghiaccio, una coltre bianca che pare neve. La grandine ha colpito anche ad Averara e a Valtorta, in Valle Brembana, creando gravi problemi per il taglio dei prati e il pascolamento in alpeggio.

224994223_817839865574398_3450719965405979661_n
Foto 1 di 6
224208162_817839858907732_7530843970314238027_n
Foto 2 di 6
226906188_817839878907730_1951572350816081234_n
Foto 3 di 6
222431884_817839842241067_1988505770544758385_n
Foto 4 di 6
224028131_817839845574400_1126600055491828184_n
Foto 5 di 6
La grandine in valle Brembana
Foto 6 di 6

A Sant’Omobono Terme i chicchi hanno colpito per l’ennesima volta gli alberi da frutto, triturandone completamente le foglie. La grandine si è abbattuta anche su alcuni Comuni del Valle Seriana: ad Ardesio ha distrutto orti, meleti e bucato coperture delle serre e costretto gli organizzatori ad annullare la seconda giornata di “Ardesio DiVino”.

«La caduta della grandine – sottolinea Coldiretti Bergamo – è l’evento più temuto dagli agricoltori in questo momento perché si abbatte sulle colture prossime alla raccolta con danni irreversibili che fanno perdere un intero anno di lavoro».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter