il 21 o il 22 settembre

Terza dose di vaccino: in Lombardia si pensa di iniziare le somministrazioni tra dieci giorni

È l'ipotesi a cui stanno lavorando le autorità sanitarie. Si parte dai fragili e dagli immunodepressi e si utilizzeranno i vaccini Pfizer o Moderna

Terza dose di vaccino: in Lombardia si pensa di iniziare le somministrazioni tra dieci giorni
Attualità 11 Settembre 2021 ore 11:11

I primi a ricevere la terza dose di vaccino anti-Covid saranno le persone con una particolare fragilità di natura immunitaria. Solo dopo toccherà (si ipotizza) agli anziani ricoverati nelle Rsa, agli altri over80 e al personale sanitario, vaccinato all’inizio dell’anno.

Ma quando dovrebbero iniziare le vaccinazioni? In Lombardia tra una decina di giorni, già il 21 o il 22 settembre. In ogni caso entro la fine del mese, almeno stando a quanto confermato più volte in questi giorni anche dal Governo.

Il target dei fragili, in Bergamasca, è rappresentato da una platea di circa 64 mila cittadini: 35 mila persone sono persone immunodepresse, malati oncologici, o trapiantati, altre 29 mila hanno gravi disabilità.

Le tappe successive riguarderanno, come detto, altre categorie. Oltre agli anziani ospiti delle Rsa, verranno vaccinati gli operatori sanitari anche perché per loro il Geeen Pass scadrà alla fine dell’anno. Infine, le somministrazioni delle terze dosi coinvolgeranno gli anziani con più di 80 anni, una delle categorie più esposte allo sviluppo di forme acute della malattia.

La prossima settimana si terrà un incontro per capire in quali spazi effettuare le iniezioni. Sui preparati da utilizzare per i nuovi richiami invece non ci sono dubbi, saranno quelli Pfizer e Moderna.