Cronaca
Aveva un'idea fissa: fare soldi

50 cent è rimasto senza 1 dollaro Il rapper dichiara bancarotta

50 cent è rimasto senza 1 dollaro Il rapper dichiara bancarotta
Cronaca 15 Luglio 2015 ore 19:01

«Come guadagnare decine di milioni di dollari ma rimanere comunque senza un soldo»: potrebbe essere il titolo papabile per un’ipotetica biografia di Curtis James Jackson III, ben più noto come 50 Cent, ovvero uno dei rapper più famosi del mondo. E anche più pagati. Eppure, il buon CJJ3 ha deciso di onorare al meglio il proprio nome d’arte, sperperando tutto quanto il proprio patrimonio e rimanendo con in tasca solo qualche spicciolo. Per onor del vero, bisogna dire che è colpa anche di una sentenza giudiziaria a lui sfavorevole, ma che si è maledettamente cercato. Fatto sta che in questi giorni 50 Cent si è trovato costretto a dichiarare bancarotta, proprio lui, che solo un anno fa Forbes aveva piazzato al quarto posto fra i rapper più ricchi del mondo, con un patrimonio di circa 155 milioni di dollari. Com’è stato possibile?

 

 

Un uomo con un’idea fissa: fare soldi. Solo poche settimana, il New York Times se ne usciva con uno sperticato elogio del 50 Cent imprenditore, declamato come un uomo dal finissimo fiuto per gli affari, e che è stato in grado di ampliare, in maniera vincente, il proprio business anche al di fuori delle rime e dei ritmi del rap. Giusto per fare un esempio, basti pensare che il cantante era socio di minoranza di Vitamin Water, un’azienda produttrice di bevande energetiche, acquistata nel 2007 dalla Coca Cola per poco più di 4 miliardi di dollari. 50 Cent, da questo passaggio di proprietà, guadagnò un centinaio di milioni: mica male, considerando che il suo investimento iniziale era stato decisamente inferiore rispetto all’enorme valore che la compagnia assunse negli anni.

 

https://youtu.be/Atp49TyK-Dc?list=PL95B708A5E69F380F

 

Quando gli spararono. D’altra parte, i soldi sono sempre stati una sorta di ossessione per CJJ3, che non a caso si affermò nel mondo della musica, nel 2003, con un album intitolato Get Rich or Die Tryin’, «Diventa ricco o muori provandoci». Un suggerimento che già qualche anno prima 50 Cent aveva preso alla lettera: nel 2000 cominciò a circolare una canzone, negli ambienti rap di New York, di 50 Cent in cui quest’ultimo prendeva in giro grandi nomi della musica statunitense come Jay-Z, Puff Daddy e Timbaland. Riteneva, lo sprovveduto ma ambizioso CJJ3, che potesse essere un ottimo modo per acquisire notorietà e cominciare a fare quei soldi tanto sognati. Una storia che si concluse con 50 Cent crivellato da 9 colpi di arma da fuoco su un marciapiede newyorkese: i totem del rap da lui sfregiati, evidentemente, non l’avevano presa troppo bene. Insomma, il rapper stava davvero prendendo alla lettera il suo motto di fare i soldi oppure morire nel tentativo. Ma 50 Cent se la cavò con 5 mesi di ospedale, e da quel momento in poi cominciò una sfavillante carriera che lo ha portato a vendere quasi 30 milioni di dischi in tutto il mondo e ad ottenere valanghe di riconoscimenti e premi vari. E a guadagnare, finalmente, palate di soldi. I quali però, come spesso capita, non bastano mai per star dietro a tutti i colpi di testa di queste star: il caso più clamoroso fu l’acquisto di una villa appartenuta al pugile Mike Tyson per 21 milioni di dollari.

 

 

Il sex tape della discordia. Agli inizi degli anni Duemila, 50 Cent era in particolare rivalità con un altro rapper statunitense, Rick Ross. I due non perdevano occasione per bersagliarsi vicendevolmente di insulti e attacchi: pare che il successo nel rap stia più nel saper screditare gli avversari che nel mettere in mostra le proprie qualità. Valli a capire. Comunque, per qualche strano motivo, 50 Cent venne in possesso di un video di 13 minuti che mostrava l’acerrimo nemico Ross intento a trascorre del tempo con la propria ragazza, chiaramente senza giocare a scacchi né a guardare le stelle. CJJ3 pensò che pubblicare sul proprio sito questo sex tape potesse essere un ottimo modo per mettere in imbarazzo il povero Rick. Cosa che, effettivamente, funzionò, tanto che oggi, anche per i più profani del rap, 50 Cent è una celebrità, mentre Rick Ross uno sconosciuto. L’hai dunque fatta franca alla grande, vecchio volpone di un Mezzo Dollaro? Nemmeno per idea, perché l’allora compagna di Ross andò in profonda depressione in seguito alla diffusione di quel video, tanto da tentare il suicidio almeno cinque volte. La donna denunciò dunque 50 Cent per danni morali, e la giustizia americana, schierandosi a favore della malcapitata, ha sancito pochi giorni fa che 5 milioni di dollari di risarcimento siano un giusto prezzo per riparare il torto.

 

 

La vicenda giudiziaria. Sono tanti soldi, certo, ma che problema dovrebbe avere a pagarli un uomo che compra case da più di 20 milioni come fossero patatine? A quanto pare tanti, perché 50 Cent, in seguito alla condanna, ha fatto istanza utilizzando il Chapter 11 della legge fallimentare americana, una particolare procedura che permette al debitore di porre in sicurezza alcuni beni in attesa del riordino dei propri affari commerciali. In parole povere: 50 Cent non ha a disposizione quei 5 milioni, e ha fatto richiesta al tribunale di aspettare a liquidargli i bene per ottenere il denaro, in attesa che possa risistemare il proprio sfavillante (ormai non più, parrebbe) business e recuperare i soldi. Ma che fine ha fatto il patrimonio da 155 milioni che nemmeno un anno fa Forbes accreditava al rapper? Svanito a quanto pare, o, per meglio dire, sperperato. A quanto pare, 50 Cent dovrà mettersi nuovamente le gambe in spalla per ricominciare a guadagnare quei soldi da lui sempre e costantemente agognati; e stavolta, magari, senza per forza rischiare di morire pur di farcela.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter