Cronaca
Tre punti d'oro in chiave salvezza

Battuto il Diavolo, usciti dall'inferno

Battuto il Diavolo, usciti dall'inferno
Cronaca 19 Gennaio 2015 ore 08:10

Vittoria di importanza totale per l’Atalanta in casa del Milan. I nerazzurri strappano un successo fondamentale grazie al quarto gol stagionale di German Denis che permette alla Dea di girare a quota 20 punti guardando con serenità alle prossime sfide. I tre punti sono meritatissimi per gli orobici. Nel primo tempo, oltre al gol, Denis ha colpito anche una traversa e nella ripresa dalle parti di Sportiello non è mai successo praticamente nulla di pericoloso.

4 foto Sfoglia la gallery

Confermate le indiscrezioni della vigilia, Stefano Colantuono continua sulla strada del 4-4-2 anche contro il Milan e in avanti schiera Pinilla e Denis con Maxi a supporto che parte dalla fascia sinistra. Zappacosta (due reti nelle ultime due partite) è l’ala destra e Cigarini riprende il suo posto al centro del campo vicino a Carmona.

In difesa, davanti a Sportiello, Biava e Stendardo giocano la seconda partita consecutiva da titolari con Benalouane (al rientro dopo la squalifica) che si sistema a destra e Del Grosso che ritrova una maglia dal 1’ minuto dopo alcune settimane. Nel Milan, confermate tutte le scelte tranne quella relativa al terzino sinistro: Armero siede in panchina, al suo posto Bonera. Gli ex Montolivo e Bonaventura sono in campo dal primo minuto, Pazzini siede in panchina a disposizione di Inzaghi.

Nella prima frazione di gioco l’Atalanta cerca fin dai primi minuti di giocare il pallone e i risultati sono ottimi. Pinilla è in palla, al 2’ il suo assist nello spazio per Denis è perfetto ma la conclusione del Tanque risulta debole e troppo incrociata. La reazione del Milan è immediata (destro di Bonaventura al 4’) ma per lunghi tratti è la squadra di Colantuono a farsi preferire: al 13’ Benalouane spara un destro appena fuori area e una deviazione salva Diego Lopez.

La Dea certifica la sua superiorità nella prima frazione di gioco al 18’, Denis colpisce da fuori una traversa clamorosa (deviazione di Mexes) e pochi secondi più tardi è Zappacosta a chiamare in causa l’estremo difensore del Milan con un destro potente e angolato. San Siro rumoreggia, il Milan è completamente bloccato sui trenta metri difensivi, ma l’Atalanta arriva debolmente alla conclusione fino alla mezz’ora quando una ripartenza perfetta regala lo 0-1.

E’ il 33’, Cigarini intercetta un tocco lezioso di Menez e si propone in avanti, Maxi riceve palla e alza la testa: il movimento di Pinilla è ottimo, Denis da dietro riceve palla sulla corsa e di prima intenzione insacca il vantaggio: quarto gol stagionale per il numero 19, vantaggio sacrosanto per i nerazzurri al cospetto di un Milan che al 38’ rischia addirittura il raddoppio di Cigarini (destro fuori di pochissimo).

Bonaventura, unico rossonero a cercare una manovra degna di questo nome, spara in curva un destro interessante (44’) ma i decibel della protesta rossonera arrivano al massimo dopo i due minuti di recupero decretati da Russo e, soprattutto, dopo un calcio di punizione di Menez (47’) che sfila lemme lemme a destra di Sportiello senza creare alcun pericolo.

Inzaghi apre la ripresa con Pazzini per Cerci, il Milan però costruisce pochissimo a centrocampo e la sensazione è che sia più l’Atalanta a poter fare il secondo che la squadra di casa a pareggiare. Al 50’ la Dea gestisce male un contropiede, al 53’ Rami mette out un colpo di testa di De Jong che poteva far molto male, ma fino al 75’ di azioni degne di questo nome non se ne vedono.

Tra l’82’ e l’87’ l’Atalanta ha addirittura tre occasioni per il 2-0, Zappacosta, Maxi e Baselli non riescono a chiudere il discorso, ma l’aspetto più importante riguarda la difesa che anche contro tutte le bocche da fuoco di Inzaghi (con Niang, Pazzini, El Shaarawy e Menez contemporaneamente in campo) non ha subito praticamente nulla fino al 94’.

Al fischio finale si abbracciano i giocatori in mezzo al campo, i risultati dagli altri campi regalano una classifica decisamente migliore e la settimana della Coppa Italia inizia con il risultato più importante: quota 20 in classifica, ben cinque squadre alle spalle e tanta fiducia guardando al futuro. Giocando una grande partita.

Milan – Atalanta 0-1

Reti: 33’ Denis(A)

Milan (4-3-3): Diego Lopez; Abate, Rami, Mexes, Bonera (35’ Armero); Montolivo(76’ Niang), De Jong, Bonaventura; Cerci (46’ Cerci), El Shaarawy, Menez. All. Inzaghi

Atalanta (4-4-2): Sportiello; Benalouane, Biava, Stendardo, Del Grosso; Zappacosta, Cigarini (82’ Baselli), Carmona, Maxi; Pinilla, Denis (76’ Bianchi). All. Colantuono

Ammoniti: Denis (A), Abate(M), Stendardo(A), Rami(M), Sportiello(A), Cigarini(A), Benalouane (A)

16 foto Sfoglia la gallery