Cronache da Montecitorio

Belotti, (dis)avventure da onorevole I sospiri dedicati al condizionatore

Belotti, (dis)avventure da onorevole I sospiri dedicati al condizionatore
Cronaca 03 Agosto 2018 ore 10:52

È la settimana più calda dell’anno, meteorologicamente parlando. Se fa caldo nelle gutturali valli orobiche, come pensate si possa stare a Roma che sta a ridosso del Tropico del Cancro? Del resto è noto che i discendenti delle tribù gallo cenomani considerino Cirenaica, maghebrina terra del cous cous e del narghillè, tutto ciò che sta a Sud del Rubicone. E quando sei ai tropici nemmeno i potentissimi onorevoli del postribolo di Montecitorio riescono a difendersi dal torrido sole romano.

Per questo cercano rifugio nel postribolo di Montecitorio aggrappandosi all’impianto, di fanfaniana memoria, dell’aria condizionata, che però, vista l’età, ogni tanto zoppica. In questi giorni gli onorevoli restano quindi rinchiusi nel palazzotto dalle 9 del mattino fino alle 21 di sera; in pratica entrano che sono già delle pelli di daino (ma in formato originale, peluria compresa!) inzuppate, visto che già di prima mattina il sole romano mette sotto stress le ghiandole sudoripare, ed escono la sera più freschi, ma sfatti, pronti per un nuova doccia, di sudore.

Di fronte a questo clima impossibile, anche la potentissima casta del “Lei non sa chi sono io” deve soccombere alla teoria di Darwin in versione romana: è la spietata selezione naturale degli onorevoli. Il caldo e le votazioni a raffica sono micidiali: anche a Montecitorio resistono solo gli esemplari più forti, quelli che riescono ad adattarsi. La lotta per la sopravvivenza è spietata. E qui ne vedi di tutti i colori.

Ambitissimo è il condizionatore a terra della buvette: anche se ha un’aria leggermente vintage, il suo soffio d’aria lo fa sentire diventando così meta di vari onorevoli, soprattutto di sesso femminile. Tutti, o meglio tutte, allungano, in modo discreto e con nonchalance, la propria rotondità gluteica, talvolta ricca di silicone (tradotto per ol Tone del Bar Sport, stiamo parlando delle chiappe, spesso rialzate con opportune dosi di plastica) su questo refrigerante...»

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 5 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 9 agosto. In versione digitale, qui.