Gli appuntamenti del vivaio nel weekend

Brutta botta la sconfitta col Milan La Primavera deve rialzarsi subito

Brutta botta la sconfitta col Milan La Primavera deve rialzarsi subito
26 Gennaio 2018 ore 16:16
[In apertura, Del Prato capitano contro il Milan in Coppa Italia. Foto Atalanta.it]

 

Il weekend che saluterà il mese di gennaio sta per iniziare e andrà a chiudere una settimana in cui salta agli occhi la sconfitta per 2-0 in semifinale di Coppa Italia della Primavera, mercoledì in trasferta sul campo del Milan. Una squadra imprecisa e disattenta la nostra, soprattutto per quanto riguarda la fase difensiva, che è stata costretta ad issare bandiera bianca al cospetto di una formazione rossonera in grado di sfoderare la partita perfetta. I diavoli sono riusciti a portarsi in vantaggio con Tiago Dias e a raddoppiare nella seconda frazione conquistando un calcio di rigore realizzato da Sinani, dimostrando di saper controllare la situazione senza rischiare di subire gol. Servirà più qualità nella circolazione di palla, nelle verticalizzazioni e maggiore determinazione all’Atalanta Primavera se vorrà ribaltare il risultato nella partita di ritorno, in programma mercoledì 7 febbraio allo Stadio Atleti Azzurri di Bergamo.

 

 

Intanto arriva un fine settimana a chilometro zero per le rose del settore giovanile bergamasco. Sabato 27 gennaio e domenica 28, tutte le giovani promesse della società di Antonio Percassi saranno impegnate in territorio orobico per provare a regalarsi grandi soddisfazioni. Le due partite da seguire assolutamente sono i big match di Primavera e Berretti. Il gruppo di Brambilla non ha digerito il sorpasso dell’Inter in classifica e la successiva sconfitta con i rossoneri, per questo gli atalantini alle ore 15 di sabato, ad Azzano San Paolo, vorranno battere a tutti i costi il Torino. Nella partita di andata contro i granata un’ottima prestazione di Barrow, autore di una doppietta, aveva permesso alla Dea di espugnare il campo del Filadelfia. I piemontesi arrivano a questo confronto reduci da due vittorie consecutive contro Lazio e Sampdoria in campionato e dal pareggio in semifinale di Coppa Italia con la Roma, mentre i nerazzurri nelle ultime uscite hanno conquistato una vittoria con la Juventus e un pareggio, oltre alla sconfitta con il Milan. Il Torino sta disputando una buona stagione ma la mancanza di continuità non ha permesso alla formazione di Coppitelli di lottare per il vertice. Il sesto posto con una gara in meno non rispecchia il reale valore della Primavera torinese, dove spiccano diversi talenti, come Karlo Butic, attaccante classe 1998 autore di undici sigilli in 15 presenze in campionato e sei gol in Coppa Italia (l’ultimo arrivato mercoledì contro la Roma). In classifica è da monitorare anche la Roma di Alberto De Rossi, che in terza posizione sta piano piano recuperando il terreno perso dalle prime due forze del campionato. L’Inter capolista, nella seconda giornata del girone di ritorno sarà invece impegnata nel derby della Madonnina contro il Milan e non avrà vita facile ad avere la meglio sui diavoli rossoneri. L’Atalanta scenderà in campo sapendo già il risultato dello scontro di Milano, che inizierà alle 13, e potrebbe avere una spinta in più per conquistare la vittoria.

 

[Stefano Lorenzi, mister dei Berretti. Foto Atalanta.it]

 

Alle 14.30 invece, al Centro Bortolotti di Zingonia, è fissato l’inizio del big match tra Atalanta-Inter, rispettivamente prima e seconda del Girone B della Berretti. La sfida si presenta molto complicata per gli uomini di Stefano Lorenzi e sancirà chi avrà l’onore di guidare la graduatoria al termine della seconda giornata di ritorno. All’andata, il confronto si era concluso con un entusiasmante 2-2, con i meneghini sempre avanti grazie alle due reti di Russo e i bergamaschi bravi riprenderli con Cambiaghi e Fanti. Questa volta i padroni di casa dovranno affrontare l’incontro diversamente e saranno chiamati a condurre il gioco per mettere in difficoltà i calciatori di Corti. La rosa del tecnico interista è formata da giocatori di ottimo livello, tra cui Adorante, attaccante molto rapido che ama spaziare su tutto il fronte avanzato per liberarsi tra le maglie avversarie e Pompetti, talento dotato di tecnica sopraffina e pilastro del gruppo interista. Menzione particolare per il centravanti cipriota atalantino Louka, che in settimana ha esordito in Primavera e sarà carico per tornare ad incidere nell’Under 18.

I ragazzi classe 2001 riposeranno invece, a differenza delle altre categorie del vivaio nerazzurro. L’Under 16 giocherà domenica 28 febbraio, alle 14.30, contro il Cittadella. La partita sulla carta non dovrebbe riservare sorprese all’Atalanta di Zanchi, anche se il pareggio maturato all’andata lascia aperta qualche speranza ai veneti relegati al penultimo posto in classifica. Vista la disparità dei valori tecnici, se i bergamaschi metteranno in campo la grinta e la giusta mentalità riusciranno senza dubbio a portare a casa tre punti importanti. Lo stesso discorso vale per l’Under 15 impegnata sempre domenica, alle ore 15, contro i granata. I ragazzi di Di Cintio avevano vinto all’andata 4-2 senza troppi affanni. Tornano infine protagonisti, dopo un mese e mezzo di inattività, anche i Giovanissimi Regionali, domenica alle ore 10.15 contro la Feralpisalò, e i Giovanissimi Regionali fascia B, sempre domenica ma alle ore 11.30, nel derby lombardo con il Brescia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia