Treviglio

Casa di riposo Anni Sereni, lacrime e commozione per la prima carezza dopo 9 mesi

Finora le visite erano consentite soltanto attraverso un plexiglass o in videochiamata

Casa di riposo  Anni Sereni, lacrime e commozione per la prima carezza dopo 9 mesi
Cronaca 09 Dicembre 2020 ore 15:15

Le mascherine nascondono i sorrisi, ma non gli occhi. Felici, umidi, increduli. Questa mattina, per  la prima volta dopo mesi,  molti anziani ricoverati alla Fondazione Anni Sereni di Treviglio hanno potuto toccare i loro cari, dopo il via libera ottenuto dalle autorità regionali e nazionali. Molti di loro non si vedevano di persona da questa primavera, dallo scoppio della pandemia. Ne parla il Giornale di Treviglio.

Nove mesi di isolamento. “Il desiderio dei nostri nonni e dei propri cari di potersi incontrare, stamattina, si è avverato” commenta orgoglioso il presidente Augusto Baruffi, che tra i primi aveva supportato l’istanza dei parenti mettendo in campo un articolato piano di sanificazione anti-Covid.

“In tutta sicurezza hanno potuto accedere, nella nostra sala dedicata agli incontri, previa effettuazione del tampone rapido COVID-19, misurazione della temperatura, compilazione del triage e della vestizione con appositi DPI – prosegue Baruffi – Emozionante vedere le mani che si stringevano e gli sguardi che si incrociavano. Il mio pensiero ora va a tutti quei nostri ospiti, che allettati, per ora, non possono vivere la gioia di incontrare i propri cari. Ce la metteremo tutta affinché anche loro possano vivere questa emozione. Grazie a tutto il personale che si è impegnato per questo risultato”.

Le mani intrecciate. Finora, i contatti tra l’interno e l’esterno della Rsa si tenevano soltanto via call, tramite tablet messi a disposizione degli ospiti coadiuvati da infermieri e operatori sociosanitari. Oppure, ma solo fino a ottobre, attraverso un muro di plexiglass. Dalla seconda ondata in poi, però, al fine di scongiurare un’altra ecatombe Covid nelle case di riposo, Regione aveva sospeso per la seconda volta le visite dei parenti nelle Rsa anche qualora fossero state organizzate in modo da mantenere l’isolamento dei pazienti.  Da oggi, invece, madri, padri, nonni, nonne, figli e nipoti potranno tornare – con tutte le precauzioni del caso – a sfiorarsi.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità