Cronaca
Davvero niente di buono

Che cosa accade al nostro corpo quando saltiamo i pasti del giorno

Che cosa accade al nostro corpo quando saltiamo i pasti del giorno
Cronaca 21 Agosto 2015 ore 04:00

Sappiamo tutti che le diete improvvisate o ideate seguendo qualche strano principio letto su internet non sono proprio quelle che saranno in grado di cambiare il nostro girovita (e, anzi, possono essere deleterie per la nostra salute). L’idea di dieta più vecchia al mondo, la più discussa e, alla fine della fiera, la più sconsigliata è quella che suggerisce di saltare alcuni pasti.  Si fa quindi leva sul concetto che è meglio privarsi di più cibo possibile per tentare di annientare gli odiati chili di troppo. Un’idea naturalmente sbagliata e che con il tempo inizierà a svelare tutti gli inconvenienti che nasconde. Di seguito, quindi, ecco alcuni possibili effetti in cui possono incorrere tutti coloro che scelgono come routine quotidiana quella di saltare almeno un pasto durante la giornata. Per dieta, ma anche perché si hanno troppe cose da fare, o perché si è in giro per lavoro.

 

1) Non fa dimagrire

Così come spiegano alcuni ricercatori della Ohio State University, saltare i pasti non aiuta in alcun modo perdere peso. O meglio, nel breve periodo magari si può perdere qualche chilo, ma questo non è detto che coincida con il fatto di ridurre di diverse taglie il proprio girovita. Questo si spiega con il fatto che perdere peso non significa necessariamente perdere grasso.

 

2) Stanchezza

È un concetto abbastanza intuivo quello che, se non ingeriamo nulla per diverso tempo, il nostro corpo, con il passare delle ore, si ritrova sempre più stanco, spossato e fiacco. Senza contare che diviene anche impossibile riuscire a concentrarsi su qualcosa d’importante. Questo succede perché il nostro organismo non riesce a ricevere abbastanza proteine, vitamine, minerali e acidi grassi contenuti nei pasti o nelle merende. Gli effetti di questo digiuno forzato si rendono evidenti anche nella nostra condizione psichica, trasformandoci in persone più stressate e nervose.

 

3) Rischio di malattie

Secondo alcuni studi, le donne che saltano la colazione regolarmente hanno il 20 percento di possibilità in più rispetto alle altre di sviluppare il diabete di tipo 2. Un'altra ricerca, condotta invece sugli uomini, connette il balzo della colazione con alcuni seri problemi di cuore: «I nostri corpi hanno bisogno di essere nutriti regolarmente per mantenere stabili i livelli di colesterolo o di ormoni come l'insulina e per avere una normale pressione arteriosa,  altrimenti il nostro corpo può sviluppare diabete di tipo 2 o altri problemi legati al sistema circolatorio».

 

4) Non si fa più sport

Come già detto, in molti pensano che non mangiare possa risolvere il problema di un girovita un po’ troppo abbondante. Magari, prima di intraprendere questa drastica decisione erano soliti frequentare palestre o piscina, senza però mai rinunciare alla terza pizza settimanale o al quotidiano aperitivo prima di cena. Cosa succede quando si inizia a saltare i pasti? Il nostro corpo non trova in alcun modo le energie necessarie per poter affrontare una dura seduta di allenamento. Per questa ragione, convinti che vivere a stomaco vuoto sia meglio che bruciare i grassi, si abbandonano tutte le attività fisiche svolte fino a quel momento.

 

5) Aumenta la fame

Numerosi e interessanti gli studi sull’alimentazione hanno spiegato che digiunando nel corso della giornata si incorre in bruschi e pesanti cali di zuccheri che spingono il cervello a desiderare cibo stimolando, di conseguenza, un’irrefrenabile fame. Come conseguenza di questo digiuno forzato succedono due cose: si arriva al pasto successivo decisamente più affamati del normale e, inoltre, aumenta la possibilità di cadere in tentazione e comprare cibo cosiddetto spazzatura per dare quiete a quella disperata esigenza che ci accompagna durante tutta la giornata.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter