Cronaca
Alcune iniziative collegate a Expo

Ci sono i tuffi all'Italcementi Bergamo capitale dell'acqua

Ci sono i tuffi all'Italcementi Bergamo capitale dell'acqua
Cronaca 11 Luglio 2015 ore 03:00

Il Centro Sportivo Piscine Italcementi è diventato ormai un punto caldo della città, dal punto di vista sportivo ma anche da quello più ampio dell’intrattenimento e del divertimento in generale. Dopo le splendide serate delle finali mondiali di pallanuoto maschile è la volta dei Campionati Italiani Assoluti di Tuffi Open. Da venerdì 10 a domenica 12 le piscine in via Statuto ospiteranno questa importante manifestazione, che assegna appunto il titolo nazionale della disciplina e rappresenta anche l’ultimo test per gli atleti azzurri prima dei Mondiali di Kazan, nonché l’ultima prova di sezione per potervi accedere.

 

 

Apertura e sintonia con Expo. Questa edizione dei Campionati si fregia inoltre di alcune qualità particolari. Come spiega Beatrice Ferrara, Presidente di Bergamo Nuoto, è una rassegna open: le gare non sono solo limitate ad atleti italiani, ma aperte alle rappresentative di vari altri stati, Spagna, Germania, Irlanda e Messico. Questa scelta vuole ricalcare nel suo piccolo gli ideali di Expo, aprendosi verso il mondo. L’evento, insieme alle finali della World League di Pallanuoto e il terzo Meeting internazionale di nuoto Azzurri d’Italia (5-7 giugno 2015), rientra in un progetto più ampio, denominato "Un Trampolino Per Expo". La volontà di inserirsi organicamente nel flusso turistico creato dall’Esposizione Universale è segnalato anche dalla presenza di una navetta che domenica sera alle 17.30 porterà proprio ad Expo per una suggestiva visita serale. Il ritorno è previsto per le 23.30, le iscrizioni sul sito di City Moving. Inoltre, la ristorazione seguirà criteri tematici, con serate dedicate alle cucine dei vari paesi ospiti: venerdì Messico e Spagna, sabato Germania e Irlanda, domenica Italia e in particolare Bergamo.

 

https://youtu.be/YF1dFVR1row

 

Gare di tuffi, ma non solo. Le gare, maschili e femminili, si svolgeranno ogni mattina dalle 9.30, mentre al pomeriggio avranno orari diversificati: venerdì 10 luglio dalle 18, sabato 11 dalle 16.30 e domenica 12 dalle 14.30. Tutte le sessioni di gara saranno trasmesse dalla Rai, in diretta o in differita. Ma c’è di più: il concetto di apertura viene sposato appieno, e lungo tutta la durata della manifestazione il pubblico potrà nuotare liberamente nella piscina olimpionica appena rinnovata. Anche i prezzi d’ingresso saranno davvero accessibili: 4 euro per l’intera giornata e solo 2 euro per il pomeriggio. Insomma, spendete meno che andare in una piscina normale, ma qui nuotate insieme a campionesse di tuffi come Tania Cagnotto e Francesca Dallapé.

Festa dell’Acqua. La giornata conclusiva di domenica vedrà anche la settima edizione della Festa dell’Acqua. Come spiega Beatrice Ferrara, essa è ormai una tradizione per il “Lido di Bergamo” e rappresenta l’occasione soprattutto per i più piccoli di sperimentare le varie discipline acquatiche e magari appassionarsi ad una di esse. Ci saranno poi vari laboratori legati ai temi del cibo e dell’arte, per mantenersi in sintonia con le linee guida di Expo. GAMeC offrirà laboratori didattici per insegnare ai bambini a vivere lo spazio della piscina in modo artistico e non solo atletico. I bambini proveranno l’emozione di «tuffarsi nell’arte». Un altro laboratorio illustrerà i segreti e le tecniche del collage, esplorando il rapporto tra arte e cibo. Ispirandosi ad artisti come Caravaggio, Arcimboldo e Andy Warhol verranno creati ritratti e paesaggi combinando immagini di frutta e verdura ritagliate dalle riviste. La Festa dell’Acqua sarà inoltre arricchita dalla proiezione delle immagini del progetto artistico Stella del Mattino: una mostra fotografica di Sara Benaglia, a cura di Mauro Zanchi, che svelerà la forte componente artistica del nuoto sincronizzato.

 

 

Conservazione e sviluppo. Partner della manifestazione è anche CESVI, che sarà presente e svilupperà uno dei temi centrali di questo 2015, tra l’Expo e l’enciclica papale: lo sviluppo sostenibile dell’economia e soprattutto dell’economia legata al cibo. Si parte dal presupposto, assai caro a Papa Francesco, che la Terra è la nostra casa comune ed è quindi necessario attuare delle pratiche di consumo, sicurezza alimentare e sviluppo sostenibile che non rovinino (ulteriormente, viene da aggiungere) l’ambiente, la salute e le economie dei Paesi più poveri. I contenuti di questa riflessione, sviluppata da CESVI nell’ambito della campagna Food Right Now, verranno trasmessi con dei video che scorreranno sui maxischermi del Centro Sportivo durante l’evento.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter