vaccinazioni domiciliari anti-Covid

Circa 10mila bergamaschi fragili saranno vaccinati a domicilio, ma non si sa da quando

L'avvio delle vaccinazioni domiciliari potrebbe coincidere con l’arrivo e la disponibilità delle dosi Johnson&Johnson

Circa 10mila bergamaschi fragili saranno vaccinati a domicilio, ma non si sa da quando
Cronaca Bergamo, 16 Marzo 2021 ore 10:06

Sono circa 10 mila i pazienti fragili bergamaschi che saranno vaccinati a casa. La lista è pronta ed è stata inviata ai medici di medicina generale perché verifichino che nessuno sia rimasto escluso, ma ancora non conosce la data dell’inizio delle somministrazioni.

Fortunatamente, la vaccinazione di questa categoria di persone non dovrebbe subire ulteriori rallentamenti dettati dalla sospensione in via precauzionale del vaccino di AstraZeneca, che non viene usato per gli over80.

Come riportato da Corriere Bergamo, l’avvio delle vaccinazioni domiciliari potrebbe coincidere con l’arrivo e la disponibilità delle dosi Johnson&Johnson, vaccini che prevedono un’unica somministrazione e che risulterebbero, di conseguenza, particolarmente utili.

Al momento, quindi, l’Ats è al lavoro per completare l’assegnazione ai medici di medicina generale che hanno aderito alla campagna di immunizzazione di pazienti che dovranno ricevere il vaccino a casa. Nel complesso hanno dato la propria disponibilità circa 120 medici di famiglia, cui si aggiungeranno i medici delle Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) e le cooperative dell’assistenza domiciliare.