Menu
Cerca
a grone

Coltivano in una cascina abbandonata 3 mila piante di marijuana: in manette tre albanesi

I carabinieri hanno arrestato anche un ventiduenne e due ventitreenni italiani a Premolo e a Clusone per detenzione di sostanze stupefacenti. In casa trovati cocaina, 1 chilogrammo di hashish, 2 chilogrammi e 22 piantine di marijuana

Coltivano in una cascina abbandonata 3 mila piante di marijuana: in manette tre albanesi
Cronaca 18 Dicembre 2020 ore 14:46

Avevano creato un vero e proprio laboratorio per la produzione e la lavorazione della cannabis, con tanto di serre perfettamente funzionanti contenenti 3 mila piante di marijuana in fase di crescita. A finire in manette, arrestati dai carabinieri di Calcinate, tre uomini di origine albanese: un quarantunenne con vari precedenti penali a suo carico, un trentenne e un trentaquattrenne (questi ultimi incensurati) che avevano installato la propria attività all’interno di una cascina apparentemente in disuso a Grone.

In realtà lo stabile era dotato di tutto il materiale necessario alla lavorazione della droga. Nel corso della perquisizione, eseguita dai militari dell’Arma nella serata di giovedì 17 dicembre, sono state trovate non soltanto migliaia di piante di canapa, di cui circa 300 in un avanzato stato di coltivazione, ma anche un sistema di allaccio abusivo alla rete di energia elettrica per alimentare i macchinari. La cascina e lo stupefacente sono stati sequestrati, mentre i tre sono stati arrestati in attesa del giudizio direttissimo di questa mattinata.

Sempre ieri i carabinieri della stazione di Ponte Nossa hanno arrestato un ventiduenne e due ventitreenni italiani, a Premolo e a Clusone, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Due di loro sono stati fermati per un controllo a Premolo e alla vista dei militari hanno tentato di nascondere un panetto di hashish di circa 140 grammi.

Nel corso della successiva perquisizione domiciliare è stato identificato il terzo giovane, che aveva allestito in casa due serre con lampade e irrigatori per la coltivazione della marijuana. Il ventitreenne, inoltre, in casa nascondeva 130 grammi di cocaina, 1 chilogrammo di hashish, 2 chilogrammi e 22 piantine di marijuana e oltre 2 mila euro, insieme a due bilancini di precisione e altro materiale usato per confezionare i panetti di droga. Gli arresti sono stati convalidati per direttissima. Il giudice ha disposto per due giovani gli arresti domiciliari, mentre per il terzo l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.