Ha accompagnato la storia degli Usa

Una follia chiamata CNN, 35 anni fa E tutto il giorno divenne notizia

Una follia chiamata CNN, 35 anni fa E tutto il giorno divenne notizia
Cronaca 05 Giugno 2015 ore 11:54

Oggi l’informazione istantanea e continua è un aspetto della vita quotidiana più che scontato: c’è Twitter, c’è Facebook, ci sono i siti internet, ci sono centinaia di canali televisivi... Una gran fortuna, senz’altro. Fa specie pensare che nemmeno 40 anni fa tutto questo non era possibile, che si doveva aspettare il giornale del giorno dopo o il telegiornale della sera per sapere che cosa stesse succedendo nel mondo. È più o meno quello che 35 anni fa pensarono Ted Turner e Reese Schonfeld, ovvero coloro che, l’1 giugno 1980, diedero vita alla più grande «esperienza pionieristica della storia della televisione»: la Cable News Network, la celeberrima CNN.

Il progetto CNN. Trentacinque anni fa esatti, dunque, i tycoon Turner e Schonfeld decisero di lanciarsi in un progetto a dir poco visionario: un canale televisivo che offrisse informazioni e notizie 24 ore su 24 sulla tv via cavo, senza fermarsi mai. Un progetto folle, sconsiderato, che però i due vollero quantomeno tentare. Per farlo, si misero nelle mani di David Walker, giornalista ed anchorman di Sacramento, un tipo non molto conosciuto ma che aveva lavorato per anni nell’informazione locale americana, uno, insomma, che sapeva cosa interessava alla gente. Al suo fianco, la moglie Lois Hart, giornalista anche lei e spalla storica del marito. Il nome prescelto fu Cable News Network, sintetizzato in CNN. Impostata la struttura sia giornalistica che tecnica, rimaneva un solo, ultimo passo da compiere: il lancio in onda.

«Good evening, I’m David Walker». Domenica 1 giugno 1980, verso le 17  in uno studio di Atlanta, Georgia, le telecamere si accesero su David Walker, che pronunciò una frase che sarebbe rimasta nella storia dell’informazione: «Buonasera, sono David Walker». Una presentazione semplice e formale, che segnò però l’inizio di una rivoluzione. Nel video che segue, viene riassunta la prima ora di trasmissione della CNN dove, oltre all’intro citata, si parlò di vendita delle armi, problemi delle linee aeree e primarie in vista delle elezioni presidenziali. La puntata si chiuse con una frase di Walker che colpì al cuore il proverbiale patriottismo statunitense: «Dedico questa prima puntata all’America e a tutti gli americani».

 

https://youtu.be/FHDBwAwwJh8

 

Una storia di successo. Il format catturò immediatamente l’interesse del pubblico americano, tanto che in breve tempo la CNN divenne la prima fonte di informazioni di ogni cittadino a stelle e strisce che si rispetti, oltre a dare il via a innumerevoli tentativi, più o meno riusciti, di emulazione. Negli studi della CNN sono passati alcuni dei più importanti leader politici e personaggi mediatici del mondo: da Margaret Thatcher a Vladimir Putin, fino a Michael Jackson e Lady Gaga. Particolarmente significativo fu il 17 gennaio 1991, ovvero il giorno in cui gli Stati Uniti cominciarono i bombardamenti in Iraq nella Guerra del Golfo: la CNN, grazie ad un coraggioso inviato e ad una telecamera posta sul tetto di un hotel di Baghdad, fu la prima trasmissione al mondo a mandare in onda immagini di guerra in tempo reale.

 

 

Il primo talk show della storia. Impossibile, infine, non citare Larry King, leggendaria figura del giornalismo americano che diede vita, proprio sulla CNN, al Larry King Show, il primo talk show della storia della televisione, dove King invitava di puntata in puntata vari protagonista della vita pubblica americana, intervistandoli.