Curiosità

Il Comune rimborsa con 300 euro chi adotta un cane (450 se adulto)

Il Comune rimborsa con 300 euro chi adotta un cane (450 se adulto)
14 Dicembre 2017 ore 08:30

Il canile scoppia e le spese di mantenimento per la pubblica Amministrazione aumentano, così la Giunta Beretta, a Vaprio D’adda ha pensato bene di rimborsare i cittadini che vorranno prendersi cura degli amici a quattro zampe trovatelli. L’idea è frutto di una lunga fase progettuale portata avanti dalla consigliera Alessandra Ferrari, in passato volontaria nei canili. «MI sono informata cercando esempi virtuosi nelle altre Amministrazioni e alla fine abbiamo approvato l’iniziativa il Buono del cane», ha detto. In pratica è rivolto a tutti i maggiorenni, residenti o meno, che decideranno di adottare un «fido» vapriese ospite nel rifugio «cani sciolti di Pozzo», gestito dalla cooperativa sociale «La Goccia»: gli animali avranno diritto a una visita annuale gratuita, con inclusa la vaccinazione prevista per legge per i primi due anni. Dopodiché, una volta passati 12 mesi, previo parere favorevole del canile che attesti che l’animale è ben curato e non adottato per soli fini di lucro, il proprietario avrà diritto a un buono pappa, «una tantum» del valore di 300 euro, nel caso di adozione di un animale fino a due anni di età e di 450 euro se ha un’età maggiore. A quel punto il buono, predisposto dal responsabile degli Affari generali sarà consegnato all’avente diritto che potrà riscuoterlo presso la tesoreria comunale.

 

 

«L’iniziativa è nata qualche tempo fa, quando, a causa di una cucciolata improvvisa di meticci il canile di Pozzo si è riempito di cuccioli vapriesi – ha ripreso Ferrari – In pratica, ogni animale all’anno ci costa mille euro e quindi per noi è molto meglio che, invece di prendersene carico l’Amministrazione, lo faccia un privato. In questo modo, quindi, contiamo di ottenere due piccioni con una fava. Ridurremo l’emergenza e, al tempo stesso, anche le spese». Nella struttura di Pozzo sono presenti anche trovatelli provenienti da altri Comuni, ma soltanto quelli acchiappati sul suolo di Vaprio avranno diritto al rimborso. Per ammirare i trovatelli è possibile visitare il sito internet www.canilecanisciolti.altervista.org. La struttura, in piazzale Ecoparco 1, è nata nel giugno del 2007 a Pozzo d’Adda ed è uno spazio di ricovero temporaneo che utilizza le più avanzate tecniche di compatibilità ambientale (recupero dell’acqua piovana, pannelli fotovoltaici) e socio-relazionale. E c’è un altro motivo per considerarlo un caso più unico che raro: è gestito da una cooperativa sociale.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia