Comunicato congiunto

Comuni e Ats attendono indicazioni da Regione per procedere con test sierologici anche privati

I due enti si sono incontrati per fare il punto della situazione. I primi cittadini vorrebbero integrare lo studio regionale con altri esami, ma per ora è tutto fermo

Comuni e Ats attendono indicazioni da Regione per procedere con test sierologici anche privati
09 Maggio 2020 ore 12:49

Ieri, venerdì 8 maggio, il direttore generale di Ats Bergamo, Massimo Giupponi, ha incontrato il Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci, allargato ai Presidenti di Ambito e ai referenti delle Utes (Unità Territoriali per l’Emergenza Sociale), per fare il punto della situazione relativamente alla realizzazione del progetto di programmazione dei test sierologici sul territorio provinciale.

L’indagine è partita lo scorso 23 aprile dal territorio della Valle Seriana e sta toccando le varie aree della provincia bergamasca per concludersi, così come preannunciato, entro il 18 di maggio con un totale di più di diecimila test somministrati (al momento siamo a oltre 7.200 test effettuati). Nel frattempo, però, molti Comuni si sono attivati promuovendo alcuni progetti o anticipando la disponibilità a integrare la campagna dei test sierologici alla popolazione. Azioni che, al momento, sono in stand by dato che si è ritenuto necessario attendere le annunciate indicazioni di Regione Lombardia, che dovrebbero definire meglio protocolli, linee guida, step e passaggi superando i dubbi e le variabili che non permettono oggi di dare indicazioni chiare.

«La volontà comune – rendono noto Marcella Messina, presidente del Consiglio dei sindaci, e Massimo Giupponi – è quella di proporre un’azione coordinata a livello provinciale legittimata da Ats, in modo da poter garantire un intervento e un’offerta condivisi e omogenei ai cittadini, individuando priorità e procedure valide su tutto il territorio. Ogni azione attivata prematuramente rischierebbe quindi oggi di vanificare gli sforzi e le risorse. L’indicazione condivisa oggi è quindi quella di rimanere fermi in attesa di Regione Lombardia, ed è stato fissato un prossimo step di confronto per martedì 12 maggio».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia