Menu
Cerca
Fare la pace

Piazza Vecchia, concerto silenzioso per la chiusura del Bergamo Festival

Piazza Vecchia, concerto silenzioso per la chiusura del Bergamo Festival
Cronaca 18 Aprile 2019 ore 13:29

Un concerto silenzioso. Domenica 19 maggio, alle 20.45, sbarcherà per la prima volta a Bergamo, in Piazza Vecchia, il Silent Concert: eseguito nel silenzio della notte, udibile tramite cuffie wifi ad alta fedeltà, per ascoltare un programma ispirato alla notte. Un pianista e un attore si alterneranno con brani musicali (notturni, ninne nanne, chiari di luna e danze rituali) e poetici (sonetti, versi sciolti). Liberi di vagare e apprezzare da vicino le suggestioni e meraviglie naturali ed architettoniche in cui si è immersi, gli spettatori vivranno così con ogni senso la musica, l’arte e la letteratura che si insinuano l’una nell’altra sullo stesso palcoscenico ideale. È una delle novità del Bergamo Festival Fare la Pace 2019, dal 15 al 19 maggio. con questo sottotitolo: “In nome del popolo sovrano. Inquietudini, sogni e realtà”. In programma un ricco palinsesto di incontri, lectio magistralis, proiezioni e – appunto – concerti che animerà la città: studiosi di fama internazionale, economisti, filosofi e giornalisti dialogheranno e si confronteranno con il pubblico su questioni di grande attualità per capire come sia possibile “costruire” la pace in una società sempre più complessa e contraddittoria. Info su www.bergamofestival.it.

4 foto Sfoglia la gallery

Grandi nomi. A Bergamo sfileranno prestigiosi ospiti internazionali come Marc Lazar, celebre storico e sociologo francese, Daniel Innerarity, filosofo spagnolo annoverato da “La Nouvel Observateur” tra i 25 grandi pensatori del mondo, Jan-Werner Mueller, storico e politologo tedesco, Miguel Benasayag, filosofo e psicanalista argentino, Bernard Guetta, giornalista francese esperto di geopolitica e András Forgách, scrittore e drammaturgo ungherese. E ancora, Mauro Magatti, sociologo ed economista, Valerio Onida, uno dei più noti costituzionalisti italiani, Marco Cerruti, teologo, Gian Mario Villalta, poeta e scrittore, l’economista e politica Irene Tinagli, e la giornalista Liliana Faccioli Pintozzi. Tutti gli eventi sono gratuiti previa iscrizione on line sul sito.

Formula compatta. Tante le novità dell’edizione 2019 del festival, a partire da una formula più compatta che concentra in cinque intensi giorni, incontri, dibattiti, cinema, musica e libri. Si arricchiscono anche i luoghi della manifestazione: in Città Bassa il festival abiterà gli spazi del Centro Congressi Giovanni XXIII e nel weekend sbarcherà nel cuore di Città Alta, dove, in Piazza Vecchia, i portici di Palazzo della Ragione accoglieranno gli ospiti e gli incontri clou della kermesse. E dopo il successo degli scorsi anni, ritorna Pianocity for Peace, l’evento musicale che diffonde la musica del pianoforte in tutta la città, dalle piazze alle strade storiche, fino a raggiungere l’aeroporto Internazionale di Orio al Serio e l’Ospedale Papa Giovanni XXIII.

Distributore di cultura. Il distributore di cultura – come quello di bibite e merendine – raddoppia: infatti oltre che sul Sentierone, sarà a disposizione del pubblico e di quanti si troveranno a passare per Piazza Vecchia durante il weekend conclusivo di Bergamo Festival. Oltre ai testi editi dal festival, il distributore erogherà confezioni con piccole quantità di sementi: i “semi della pace”. Un invito simbolico a diffondere i valori del festival e a diventare coltivatori di pace e giustizia. E in collaborazione con UniAcque, durante gli eventi verranno distribuite delle borracce personalizzate con messaggi legati al tema dell’acqua come bene comune e prezioso. Uno spunto per riflettere una volta di più sull’importanza di questo elemento, risorsa e fonte di vita, da preservare per il bene dell’umanità.