il punto della regione

Continua la frenata del Coronavirus: a Bergamo 10472 casi, 46 in più in un giorno

Continua la frenata del Coronavirus: a Bergamo 10472 casi, 46 in più in un giorno
15 Aprile 2020 ore 17:27

Continua la frenata del Coronavirus in Lombardia e nella Bergamasca. Nella nostra provincia sale a 10472 il numero dei positivi al Covid-19, con un aumento di 46 nuovi casi; un dato leggermente più alto a quello registrato ieri, quando l’incremento era stato di 35 nuovi contagiati, ma in linea con il trend complessivo che sta caratterizzando ormai da diversi giorni la provincia di Bergamo.

Sul territorio regionale sono 62153 i contagiati dal virus, con 827 casi in più a fronte di 6828 tamponi effettuati (il giorno precedente l’incremento era stato di 1012 persone ma con 3778 test analizzati). Diminuiscono, invece, i numeri relativi sia ai pazienti ricoverati, sia a quelli ospitati nelle rianimazioni; i ricoverati toccano quota 12043 (34 in meno rispetto a ieri), mentre i pazienti in terapia intensiva sono 1074 (48 in meno rispetto a ieri). Quest’ultimo dato, in particolare, è ormai in diminuzione da diversi giorni. Sale, infine, a 11142 il numero di vittime accertate, con 235 decessi avvenuti tra ieri e oggi (in calo rispetto al giorno precedente quando ne erano avvenuti 241).

«Il nostro obiettivo è guardare al domani, pianificando una nuova normalità con nuove regole – ha spiegato l’assessore regionale al Bilancio Davide Caparini -. Il sistema sanitario lombardo è stato in grado di dare risposte ad un’emergenza eccezionale e con i nostri comportamenti abbiamo imparato che possiamo controllare la diffusione del virus. Regione Lombardia, in collaborazione con il proprio comitato tecnico scientifico, ha definito un programma basato quattro linee guida (distanza, dispositivi di protezione, diagnosi e digitalizzazione) che forniremo al Governo per pianificare l’annunciata fase di ripartenza a partire dal 4 maggio».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia