Cronaca
Disgrazia

Costa Serina, 65enne muore schiacciato da un ceppo d'albero

Sabato scorso l'uomo era in cerca di funghi con un 22enne, si è aggrappato al tronco, del peso di 13 quintali, che gli è caduto addosso senza lasciargli scampo

Costa Serina, 65enne muore schiacciato da un ceppo d'albero
Cronaca 01 Novembre 2021 ore 11:25

Era in cerca di funghi insieme a un amico, quando è scivolato lungo il sentiero aggrappandosi a un ceppo d'albero, che gli è caduto addosso: così è morto sabato 30 ottobre scorso Luigi "Gigio" Cortinovis, 65enne di Costa Serina.

Il fatto è avvenuto nel pomeriggio, intorno alle 15,30, nei pressi della località Tagliata, a circa 1000 metri di altitudine, vicino al Santuario della Forcella. L'uomo stava andando a funghi con un amico 22enne, quando lungo il sentiero è scivolato e per non cadere si è tenuto a un grosso tronco d'albero, alto circa un metro e mezzo ma pesante 13 quintali, che sradicandosi gli è piombato addosso, travolgendolo in pieno. Il ragazzo che era con lui ha subito dato l'allarme: sul posto sono arrivati l'automedica di San Giovanni Bianco, i volontari della Croce Verde di oltre il Colle, il Soccorso alpino, i carabinieri e i vigili del fuoco di Zogno.

Per il 65enne, tuttavia, non c'era più nulla da fare e il medico presente non ha potuto che constatarne il decesso, motivo per cui è stato fatto rientrare l'elisoccorso che era partito da Como e stava recandosi sul luogo dell'incidente.

Luigi Cortinovis era andato in pensione dopo aver fatto per anni l'autista adibito al trasporto merci: era ritornato a Costa Serina, paese di cui era originario, nel 1981 prendendo la residenza, anche se per la maggior parte dell'anno gli abitanti non lo vedevano a causa del lavoro che faceva. Ciò non gli aveva impedito di farsi benvolere nel Comune montano, dov'era conosciuto da tutti ed è stato ricordato con affetto anche dal sindaco, Fausto Dolci. Con l'arrivo della pensione aveva avuto modo di godersi la vita in montagna e farsi conoscere meglio a Costa Serina, fino al tragico epilogo dello scorso fine settimana.

Lascia la moglie Antonella e i figli Elena, 43 anni, Valeria, 36 anni e Samuele di 31. La salma è stata trasportata alla camera mortuaria del cimitero comunale. I funerali saranno martedì alle 10.30 con ritrovo alla sua abitazione in Via Donizetti 15 a Costa Serina.

C'è anche un post del Maite di Città Alta per salutare "Gigio": la figlia Valeria collabora infatti con l'associazione.