E ora, mercoledì a Cesena

Denis all’ultimo respiro E il Comunale esplode

Denis all’ultimo respiro E il Comunale esplode
27 Aprile 2015 ore 07:15

All’ultimo respiro, German Denis. Correva il minuto 93’, Emanuelson sotto lo spicchio di Curva vicino alla Creberg batteva il terzo angolo consecutivo e quando tutto lo stadio temeva una sconfitta è spuntato il “Tanque”, l’uomo che nelle ultime tre partite ha segnato quattro gol: zuccata in piena area, palla che taglia l’aria carica d’emozione e si spegne sul palo lungo gonfiando dolcemente la rete e appoggiando una mano sul cuore preoccupato del popolo orobico. Sul tabellone appare, liberatorio, il 2-2 pirotecnico contro l’Empoli.

Finisce in pareggio la trentaduesima giornata per l’Atalanta di Edy Reja: al termine di 94 minuti divertenti e densi di emozioni i nerazzurri strappano un punto meritato contro l’undici di Sarri che scappa per due volte in vantaggio ma viene rimontato dal grande cuore della Dea. Il gol di Denis premia il coraggio di Reja che nel finale schiera contemporaneamente Moralez, Denis, Bianchi, Emanuelson e D’Alessandro.

8 foto Sfoglia la gallery

Scelte confermate rispetto alla vigilia da parte del tecnico nerazzurro. In difesa i diffidati Zappacosta e Biava restano in panchina, Dramè scende in campo invece dall’inizio con Stendardo, Masiello e Benalouane a completare la linea davanti a Sportiello. Cigarini rientra dopo la squalifica al fianco di Carmona mentre Estigarribia, Moralez e Gomez giocano a supporto di Denis.

Sarri deve rinunciare a Mario Rui, l’esterno siede in panchina, ma il gruppo durante la stagione ha comunque dato ampie garanzie in ogni ruolo e dal primo minuto tocca a Laurini. In avanti Saponara alle spalle di Maccarone e Pucciarelli. Prima del fischio d’inizio, giro d’onore per il pugile bergamasco Luca Messi che ha vinto sabato 25 aprile l’ultimo match della carriera prima di appendere i guantoni al chiodo.

La gara inizia subito con le due squadre che provano ad affrontarsi a viso aperto in 40 metri di campo, l’Empoli è decisamente abituato mentre la Dea si adatta. Ne esce una gara piacevole e con tanti capovolgimenti di fronte, le prime due occasioni arrivano al 6’ e al 7’: prima Estigarribia scarica un destro dal cuore dell’area che Sepe respinge, poi Saponara sfrutta un assist di Vecino e costringe Sportiello alla parata.

Fino alla mezz’ora succede poco o nulla nelle due aree di rigore, la partita rimane piacevole, ma solo gli esteti del calcio possono apprezzare l’organizzazione dell’Empoli e la grinta dell’Atalanta in fase di non possesso. Per lo spettacolo vero, le due squadre rimandano tutto all’ultimo terzo di primo tempo: al 32’ Valdifiori colpisce Cigarini con un destro violento, dal successivo calcio d’angolo Rugani stacca benissimo in area e con Sportiello battuto ci pensa Denis a salvare la porta orobica.

L’Empoli passa in vantaggio al 41’. Pucciarelli e Saponara scambiano bene con Stendardo che finisce a terra (leggera spinta di Saponara) e il numero 5 toscano libero di insaccare all’incrocio dei pali dopo essere entrato in area di rigore. La risposta della Dea è immediata, al 42’ Denis dal limite dell’area manda appena alto un destro molto interessante, fortunatamente arriva immediatamente il pareggio di Gomez con il primo gol in maglia nerazzurra. L’azione si sviluppa in verticale, Maxi appena entrato in area viene anticipato in scivolata, ma riesce a superare un difensore con un tunnel e la sfera finisce al Papu che insacca a porta vuota senza difficoltà.

Prima del riposo Sportiello risponde alla grande a Maccarone (44’) che di destro cerca il 2-1 in piena area, l’azione è viziata da un fallo su Dramè che cade malamente sulla spalla già infortunata a Firenze in Coppa Italia e chiude la frazione di gioco decisamente dolorante.

8 foto Sfoglia la gallery

La ripresa si apre con la pioggia che bagna il campo e i tifosi, i nerazzurri al 49’ sfiorano il 2-1 con Estigarribia che conclude una grande azione nata sull’asse Gomez –  Moralez e stoppata proprio nel momento decisivo da Denis che a terra intercetta il sinistro del paraguaiano. Un minuto più tardi, Valdifiori costringe Sportiello alla parata centrale ma al 51’ è ancora la Dea a sfiorare la rete: Carmona (51’) manda in curva un destro molto interessante.

L’Empoli al 60’ segna il 2-1, Croce da sinistra mette al centro un cross al bacio che Zielinski lascia passare e Maccarone insacca, l’attaccante empolese è solo sul secondo palo con Dramè e Masiello che sbagliano la posizione per una rete troppo semplice regalata agli avversari. Il vantaggio ospite scuote negativamente la Dea, Cigarini al 61’ si becca un giallo per simulazione ma da quel momento in poi è la squadra di Sarri a rischiare due volte il tris.

Al 65‘ Vecino scarica alto di poco un destro dal limite, un minuto più tardi Maccarone è solo in area (Stendardo colpevolmente fuori posizione) e la sua conclusione trova le dita (benedette) di Marco Sportiello: il pallone viaggia verso il palo lontano, fortunatamente il silenzio del Comunale viene spaccato dal rumore del montante e i nerazzurri si salvano.

L’Atalanta si sveglia, al 68’ Benalouane scambia bene con Denis e conclude sul fondo, ma la mossa decisiva la mette in pratica Reja al 69’. D’Alessandro e Bianchi per Gomez ed Estigarribia sono le scelte per il 4-4-2 puro, nel finale entra pure Emanuelson e fioccano le occasioni per il pareggio. Al 72’ Bianchi appoggia per Stendardo che in girata non trova la porta di un soffio; al 78’ Denis manda in curva un destro dal dischetto del rigore (cross di D’Alessandro)  e all’81’ Maxi (imbeccato da Cigarini) porge a Bianchi un cioccolatino per il 2-2: la rovesciata del numero nove si spegne fuori di pochissimo.

I toscani sfiorano il 3-1 con Zielinski (azione ubriacante chiusa da un sinistro fuori di poco), in pieno recupero Emanuleson (91’) di sinistro viene contrato in angolo ma dopo due calci dalla bandierina consecutiva ecco l’episodio che manda tutti in Paradiso e permette ai nerazzurri di muovere ancora la classifica. La zuccata di Denis al 93’ regala il 2-2 finale. Mercoledì a Cesena la Dea si gioca una stagione e la speranza di tutti è che il gol allo scadere sia la spinta decisiva per tornare dal Manuzzi con un risultato positivo.

Atalanta – Empoli 2-2

Reti: 41’ Saponara(E), 43’Gomez (A), 60’ Maccarone (E), 93’ Denis(A)

Atalanta (4-2-3-1): Sportiello; Benalouane (75’ Emanuelson), Stendardo, Masiello, Dramè; Cigarini, Carmona; Estigarribia (69’ D’Alessandro), Moralez, Gomez (69’ Bianchi); Denis. All. Reja

Empoli (4-3-1-2): Sepe; Hysaj, Rugani, Tonelli, Laurini (79’ Barba); Vecino, Valdifiori, Croce; Saponara (85’ Mario Rui); Maccarone, Pucciarelli (59’ Zielinski). All. Sarri.

Ammoniti: Benalouane(A), Pucciarelli (E), D’Alessandro (A)

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia