Curiosità

Dopo 21 anni la Polizia restituisce al parroco il suo “Ciao” rubato

Ha dell'incredibile la storia che ha visto protagonista un parroco bergamasco che nel 1999 prestava il suo servizio sacerdotale a Spirano

Dopo 21 anni la Polizia restituisce al parroco il suo “Ciao” rubato
02 Ottobre 2020 ore 01:19

Quasi non ricordava quel “Ciao” nero su cui era salito tante volte, né di aver sporto denuncia dopo che glielo avevano rubato nel lontano 1999. E invece quello che gli agenti della Polizia Stradale di Crema gli hanno consegnato era proprio il suo motorino. Ne parla il Giornale di Treviglio. Ha dell’incredibile la storia che ha visto protagonista un parroco bergamasco che nel 1999 prestava il suo servizio sacerdotale a Spirano. Ed è proprio nel comune della Bassa che il parroco aveva subito il furto del suo “Ciao”. Come da prassi aveva sporto denuncia, ma del suo motorino non ebbe più nessuna notizia.

La Polizia glielo restituisce. Fino all’altro giorno quando alla sua porta hanno bussato gli agenti del Commissariato di Crema. Immaginate la sorpresa dell’anziano parroco, ormai in pensione da tempo. «Le abbiamo riportato il suo ciclomotore», devono avergli detto spiegandogli che, sì, quello che avevano ritrovato nei pressi del cimitero di Offanengo, era proprio il suo “Ciao”, ormai dimenticato. In realtà, lungo la strada che porta al cimitero, gli agenti avevano ritrovato due ciclomotori, entrambi molto vecchi e senza targa. Dalle ricerche effettuate sono risultati entrambi rubati: uno, appunto, al parroco di Spirano nel lontano 1999, l’altro invece in un cascinale a Sergnano nel 2015.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia