Nessun problema ambientale

Dopo il rogo la conta dei danni, a Leffe fumo e macerie. Da salvare 50 posti di lavoro

Vigili del Fuoco ancora al lavoro per monitorare la situazione. I periti all'opera per stabilire le cause delle fiamme. Azienda in ginocchio

Dopo il rogo la conta dei danni, a Leffe fumo e macerie. Da salvare 50 posti di lavoro
Val Seriana, 08 Agosto 2020 ore 19:29

di Giambattista Gherardi

Il fumo si è ormai diradato e alcune squadre dei Vigili del Fuoco sono ancora al lavoro per verificare che tutto sia sotto controllo. All’indomani dello spaventoso incendio che venerdì 7 agosto ha distrutto a Leffe il magazzino materie prime della ditta tessile Martinelli Donato snc, quella di sabato è la giornata delle verifiche, per risalire alle cause scatenanti, per rassicurare la popolazione riguardo eventuali rischi ambientali e per la triste conta dei danni che certamente ammontano a centinaia di migliaia di euro.

Tutto è partito fra le 12.30 e le 13 di venerdì, quando la stragrande maggioranza dei dipendenti era in pausa pranzo. Sembra che all’opera vi fosse una ditta esterna  impegnata in opere di saldatura su una copertura. Da qui le scintille e il rogo che ha avuto facile presa sui materiali sintetici di scarto e su quelli accatastati in magazzino.

L’impressionate colonna di fuoco e fumo è stata immediatamente visibile da tutta la Val Gandino e immagini spaventose dell’incendio sono diventate virali attraverso i social, prima ancora dell’arrivo dei Vigili del Fuoco. Sul posto sono arrivati i mezzi di Gazzaniga, Bergamo, Clusone e Romano, ma anche squadre di rinforzo da Monza, Brescia e Lecco. Per curare eventuali feriti sono state dispiegate un’automedica e le ambulanze di Croce Verde Colzate, Croce Blu Gromo e Volontari Presolana di  Castione. Fortunatamente ha avuto bisogno di cure per ustioni non gravi solo il titolare Fabio Martinelli, medicato sul posto.

Interessata dal rogo è un’area produttiva di circa tremila metri quadrati, posta a ridosso dell’abitato, ai piedi della collina di San Rocco che separa Leffe dalla Valle Rossa. Il sindaco Marco Gallizioli nei primi concitati minuti ha emesso un’ordinanza, e diffuso attraverso i social un avviso per chiedere ai cittadini di chiudere le finestre e non uscire. Arpa ha dislocato a Leffe una centralina mobile per controllare la qualità dell’aria. Tutto si è limitato ad odore acre e fumo, anche se piccole parti volatili e combuste sono arrivate sino sul Monte Farno, a chilometri di distanza.

A dare appoggio ai Vigili del Fuoco sono intervenuti anche carabinieri, carabinieri Forestali, polizia locale, carabinieri in congedo (il vicepresidente Guglielmo Gelmi, fruttivendolo ambulante, è arrivato con frutta di conforto) e protezione civile Valgandino. Quest’ultima ha messo a disposizione il nuovo automezzo pick up (entrato in servizio da una settimana) e le torri faro utili durante il monitoraggio notturno.

Il Comune di Leffe ha emesso un’ordinanza che limita la circolazione in via Tonale e nelle aree limitrofe, con divieto di sosta e accesso consentito ai privati per entrata e uscita dalle abitazioni. Per la Donato Martinelli (il 7 agosto, ironia della sorte era proprio il giorno di San Donato) si aprono i giorni della difficile riorganizzazione, necessaria per salvare ordini e portafoglio clienti, ma soprattutto il posto di lavoro a oltre cinquanta lavoratori. Un’azienda attiva da oltre 70 anni, fra quelle che ha fatto la storia imprenditoriale della Val Gandino. Ora, purtroppo, anche con uno spaventoso incendio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia