Positivo al tampone in spiaggia

È un turista bergamasco la prima vittima di Coronavirus a Cuba

Gian Paolo Albergati, di Bottanuco, era partito per l’isola caraibica il 7 marzo con la moglie e i cognati. I familiari in quarantena a L’Avana

È un turista bergamasco la prima vittima di Coronavirus a Cuba
20 Marzo 2020 ore 13:39

L’epicentro della diffusione del Coronavirus resta Bergamo, anche quando la pandemia colpisce molto lontano dall’Italia. È morto infatti il bergamasco 60enne, positivo al coronavirus, ricoverato in terapia intensiva nell’ospedale dell’Istituto di Medicina Tropicale Pedro Kuri a L’Avana. Era ricoverato lì dal 10 marzo, come precisa il quotidiano di partito Granma. Lascia la moglie Giuliana e i figli Simone e Sara.

2 foto Sfoglia la gallery

Chi era. Gian Paolo Albergati, di Bottanuco, storico collaboratore della Virtus Ciserano Bergamo, era un appassionato uomo di calcio, ex dirigente anche di Brembatese e Bottanuco. Era partito insieme alla moglie Giuliana Diani di 55 anni e ai cognati Mariangela Diani di 60 anni e Angelo Teoldi di 63 anni per un tour con guida privata lo scorso 7 marzo, prima del blocco totale. Dopo due giorni e qualche colpo di tosse, come racconta il figlio a L’Eco di Bergamo, nella hall di un hotel sono stati prelevati dalle autorità locali, sottoposti all’esame del sangue e poi dimessi: quindi, raggiunti in spiaggia, sono stati sottoposti a tampone. Tutti positivi tranne il cognato, ma l’unico ad avere sintomi è stato Paolo. La situazione è precipitata domenica sera, con il ricovero in terapia intensiva. Mercoledì la morte, in isolamento: un dolore insopportabile per i familiari. A Cuba è rimasta la moglie Giuliana, in quarantena ancora per cinque giorni insieme alla sorella Mariangela e al marito Angelo. Quadro nell’azienda chimica Prince di Cavenago, Albergati era a due anni dalla pensione.

Ma Cuba non si ferma. La circolazione del turismo – puro ossigeno per le casse asfittiche del paese, anche perché il visto si deve rinnovare ogni mese con 25 dollari – prosegue a costo di dover disinfettare la statua di Hemingway, pur con qualche logico calo percentuale. Per quanto riguarda gli altri italiani colpiti da coronavirus, non è confermata e neppure riportata la notizia di un loro rimpatrio, mentre se ne sottolinea il decorso ospedaliero “soddisfacente”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia