Cronaca
Tragedia

Erano di Bergamo i due operai travolti da un tir sulla tangenziale milanese

Stefanita Toader e Massimiliano De Letteriis lavoravano come tubisti industriali per un'azienda di Lallio

Erano di Bergamo i due operai travolti da un tir sulla tangenziale milanese
Cronaca Bergamo, 24 Giugno 2022 ore 10:44

Drammatico incidente stradale lungo la Teem il 15 giugno dove due uomini scesi dal furgone per sistemare il carico sono stati travolti e uccisi da un tir che non si è fermato a prestare soccorso. Il camionista è stato rintracciato solo alcune ore dopo dalla polizia. Le due vittime, di 51 e 55 anni, abitavano nella Bergamasca: Massimiliano De Letteriis e Stefanita Toader i loro nomi. Si conoscevano da una vita. Entrambi lavoravano come tubisti industriali per un'azienda di Lallio.

«Era un uomo molto attaccato alla famiglia, un gran lavoratore, dice Antonella de marito Massimiliano. Aveva 51 anni, viveva ad Almè e oltre alla moglie lascia anche due figlie: Martina e Maya. Con Stefanita, 55 anni di origine rumena, aveva un bel rapporto.

L'allarme è scattato poco dopo le 17.40 nel tratto compreso tra Liscate e Pozzuolo Martesana in direzione Un automobilista, che ha poi allertato i soccorsi, ha assistito alla scena. Sul posto sono arrivate un’automedica e un’ambulanza, ma per i due non c'era nulla da fare: sono morti sul colpo.

La circolazione è stata bloccata con l'obbligo di uscire a Liscate. Oltre al personale del 118 sono intervenuti gli agenti della Polizia Stradale che si sono messi sulle tracce del guidatore del tir: gli accertamenti hanno chiarito che il camion pirata sarebbe uscito al casello Teem di Pozzuolo Martesana per poi proseguire sulla viabilità ordinaria.

Dopo due ore la svolta, con il fermo del presunto pirata della strada: gli agenti della polizia stradale lo avrebbero rintracciato grazie al numero di targa (forse fornito anche da alcuni testimoni), dalle immagini delle telecamere e dal Gps che si trova installato sul mezzo. Sarebbe un italiano, ora accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter