La proposta lanciata da Bergamopost

Gori: «Sì, faremo il monumento»

Gori: «Sì, faremo il monumento»
19 Agosto 2019 ore 11:16

La proposta lanciata sabato mattina da Bergamopost ha trovato un’immediata risposta. Positiva. Il sindaco di Bergamo ha dichiarato questa mattina, lunedì: “Un monumento per ricordare Felice Gimondi, m’impegnerò per realizzarlo”. Il sindaco ha espresso così l’intenzione dell’Amministrazione di Bergamo di onorare il grande campione orobico, scomparso qualche giorno fa mentre era in vacanza in Sicilia, raccogliendo un’idea del nostro giornalista Paolo Aresi, grande appassionato di ciclismo.

“Sono convinto – prosegue Gori – che onorare Gimondi, per Bergamo, voglia dire di più che celebrarne la grandezza sportiva. Felice Gimondi ha rappresentato la migliore sintesi dei valori della nostra terra, quelli nei quali vogliamo ancora oggi ritrovarci e che desideriamo che i nostri figli facciano loro e tramandino”.

L’Amministrazione ha iniziato a pensare alle modalità di realizzazione del monumento: “Mi piacerebbe – conclude Gori – lanciare un concorso per scegliere l’artista e il soggetto più adatto a rappresentarlo – ma penso a un’opera semplice, che parli a tutti – e fors’anche una sottoscrizione popolare per finanziarla. Abbiamo tempo per pensarci, oltre che ragionare su dove collocarla. Mi piace però anticipare questa volontà dell’Amministrazione comunale di Bergamo alla vigilia del suo ultimo saluto. Che Felice sappia, mentre si allontana in bicicletta, che Bergamo lo ricorderà per sempre”.

A proposito della sottoscrizione ipotizzata da Giorgio Gori, una segnalazione: un lettore ha già scritto a Paolo Aresi offrendo diecimila euro.

Il testo completo del post di Gori sulla sua pagina facebook:

“Un monumento per ricordare Felice Gimondi. E’ una buona idea, e m’impegnerò per realizzarla. Sono convinto che onorare Gimondi, per Bergamo, voglia dire di più che celebrarne la grandezza sportiva. Felice Gimondi ha rappresentato la migliore sintesi dei valori della nostra terra, quelli nei quali vogliamo ancora oggi ritrovarci e che desideriamo che i nostri figli facciano loro e tramandino. “Tenacia, forza, onestà, fatica”, come ha scritto l’amico giornalista (Paolo Aresi) che per primo ha lanciato l’idea: “un modo di essere, anzi di dover essere, di provare a essere” – ha scritto un altro commentatore (Maurizio Crosetti) – che per Felice andava oltre il ciclismo, quando diceva “Salire e andare, salire e pedalare sempre, questa è la bici e questa è la nostra vita.”

Da bambino non lo capivo, allora facevo il tifo per Eddy Merckx. Ai bambini piacciono i vincenti e Merckx , il “cannibale”, vinceva quasi sempre. E’ stato crescendo che ho imparato ad amare Gimondi – che ho poi conosciuto e trovato irresistibile nella sua semplicità e simpatia. Ho amato “a posteriori” le sue sconfitte almeno quanto le sue vittorie, forse di più. Perché è per le sconfitte, per i tanti secondi posti conquistati senza mai arrendersi, oltre che per i trionfi, che Felice Gimondi è diventato Gimondi, un simbolo che travalica la dimensione dello sport e abbraccia la vita. Maurizio Crosetti lo ha scritto come meglio non potrei: “Circondati come siamo dai nostri “cannibali”, dai nostri impietosi, crudeli e in apparenza invincibili Merckx – una malattia, una grana in famiglia o sul lavoro, un affare o un amore finito male – l’indole stoica di Felice sembra indicarci che non esiste scelta, se non la dignità dell’impegno e il coraggio del possibile fallimento.”

Ecco perché Bergamo deve dedicare un monumento a Gimondi. Ne ho parlato con i colleghi di Giunta e li ho trovati subito d’accordo. Mi piacerebbe lanciare un concorso per scegliere l’artista e il soggetto più adatti a rappresentarlo – ma penso a un’opera semplice, che parli a tutti – e fors’anche una sottoscrizione popolare per finanziarla. Abbiamo tempo per pensarci, oltre che ragionare su dove collocarla. Mi piace però anticipare questa volontà dell’Amministrazione comunale di Bergamo alla vigilia del suo ultimo saluto. Che Felice sappia, mentre si allontana in bicicletta, che Bergamo lo ricorderà per sempre”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia