All'Urban Center

La scoperta del bosone di Higgs Ne parla uno dei suoi protagonisti

22 Ottobre 2016 ore 09:30

Sarà Guido Tonelli a spiegarci l’universo. Ce lo spiegherà oggi (sabato 22 ottobre) alle 17.30 nella sede di BergamoScienza (alla stazione autolinee), su iniziativa della Fondazione Bosis, attiva nel campo della psichiatria. Guido Tonelli è lo scienziato che insieme a Fabiola Gianotti ha guidato gli esperimenti al Cern di Ginevra che hanno consentito di scoprire la particella chiamata «Bosone di Higgs» perché teorizzata alcuni decenni orsono, ma mai scoperta. Si tratta della particella che  è in grado di spiegare la «consistenza delle cose», cioè quella che noi percepiamo come «materialità». Una particella essenziale per fornire una spiegazione della realtà per come ci si presenta. Nell’occasione Tonelli sarà accompagnato da Paolo Aresi, giornalista e scrittore, che gli rivolgerà alcune domande. Tonelli ha più volte collaborato con la Fondazione Bosis, realtà che si occupa dei malati psichiatrici con centri residenziali come la Cascina Germoglio a Verdello e centri diurni.

 

20090310_088cutsmall-630x360

 

Ha scritto un libro. «Ecco qua il minuscolo difetto, la sottile imperfezione da cui è nato tutto. Un’anomalia che dà origine a un universo che può evolvere per miliardi di anni». Se tutto nasce da lì, dobbiamo capire in ogni dettaglio quel momento cruciale, ricostruirlo fotogramma per fotogramma, al rallentatore e da diverse angolature. Un centesimo di miliardesimo di secondo dopo il Big Bang si è deciso il nostro destino. In un universo in cui materia e antimateria si equivalevano, e che quindi avrebbe potuto, in ogni istante, tornare a essere pura energia, può essere bastata una leggerissima preferenza del bosone di Higgs per la materia anziché per l’antimateria ed ecco che si è prodotto il mondo che abbiamo sotto gli occhi.

Per questo al Cern di Ginevra è stato realizzato Lhc, l’acceleratore di particelle più potente del mondo, il posto più simile al primo istante di vita dell’universo che l’uomo sia stato in grado di costruire. Per questo da anni i migliori fisici del mondo lavorano giorno e notte, ai quattro angoli del pianeta. È così che è stata catturata la “particella di Dio”. Ed è per questo che si studia ancora, per capire di più su come tutto questo è nato e su come andrà a finire la nostra storia: se nel freddo e nel buio o in una catastrofe cosmica, che ci darebbe il privilegio di un’uscita di scena assai più spettacolare.

 

tonelli-la-nascita-imperfetta

 

Guido Tonelli è uno dei protagonisti di questa grande avventura, una delle guide di questo esercito di visionari. In La nascita imperfetta delle cose (Rizzoli) racconta col piglio dell’esploratore cosa vuol dire affacciarsi oltre il limite estremo della conoscenza, cosa vuol dire fare la scoperta del secolo il giorno del proprio compleanno, cosa vuol dire capire come tutto è cominciato e come forse andrà a finire. Una lettura perfetta per chi ha amato le Sette brevi lezioni di fisica di Carlo Rovelli.

«Siamo una strana pattuglia di moderni esploratori – scrive Tonelli -. Il nostro scopo è capire da dove nasce questa meraviglia di universo materiale che ci circonda e di cui facciamo parte. Siamo quelli che la gente chiama scienziati, truppe speciali della conoscenza che l’umanità manda in avanscoperta a capire come funziona la natura. Menti elastiche, curiose, prive di pregiudizi e pronte ad accogliere ogni sorpresa, consapevoli che – per costringere il mondo nelle nostre categorie mentali – occorre liberarsi di ogni residuo di senso comune e avventurarsi in territori ignoti. Ai confini della conoscenza ti ritrovi da solo, in un mondo in cui riecheggiano soltanto le intuizioni dei poeti e le voci dei pazzi. Sono gli unici esseri umani che, come noi, non hanno paura di perlustrare luoghi sconosciuti. Per questo li sento vicini. In un certo modo mi fanno compagnia, perché sono coraggiosi, amano il rischio, non temono di portare la mente vicino a quel confine che è necessario esplorare per capire davvero qualcosa di noi e del mondo che ci circonda. Anche noi, come loro, siamo funamboli che corrono sul filo senza gancio di sicurezza».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia